Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:17
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Mafia, Alessandro Sallusti: “Il problema sono anche i siciliani” | VIDEO

Immagine di copertina
Alessandro Sallusti in collegamento a Non è l'Arena

Mafia, Sallusti: “Il problema sono anche i siciliani”

“La mafia? Il problema sono anche i siciliani”. È il giudizio tagliente espresso da Alessandro Sallusti nel corso della puntata di Non è l’Arena in onda ieri sera, 7 giugno. Ospite in collegamento di Massimo Giletti, il direttore de Il Giornale si è espresso sul fenomeno della grande criminalità organizzata evidenziando i comportamenti accondiscendenti di una parte della popolazione colpita. Nel programma si raccontava la storia di Piera Aiello, oggi deputata del Movimento 5 Stelle, da 30 anni sotto protezione, aiutata da un maresciallo dopo l’uccisione di suo marito a parlare con Paolo Borsellino.

Il video

“La mafia, certo, colpisce ed è terribile laddove è più forte e ha più possibilità di ricatto e minaccia. Ma purtroppo – ha affermato commentando un servizio (qui il video) – bisogna ammettere che la mafia colpisce laddove c’è un tessuto sociale disposto a farsi colpire. Vogliamo chiamarla omertà? Compiacenza? Quelle frasi che abbiamo sentito di cittadini siciliani qualsiasi, secondo me dicono molto più di questo problema di qualsiasi maxi processo. Il problema sono anche i siciliani. Bisogna dirlo. Se no non si capisce che diavolo sta succedendo. È vero che sono sotto ricatto, sotto pressione, ma lì avete in studio una donna che si è anche ribellata”.

In studio il parere di Sallusti non è stato condiviso. “Alessandro, ti ricordo i tanti siciliani che sono morti per far cambiare quella terra. La maggior parte dei siciliani è gente onesta”, lo ha interrotto Giletti. “Ma per carità, ma purtroppo non sono abbastanza”, ha replicato al conduttore il direttore de Il Giornale. E ancora: “Tu hai fatto vedere un eroe e una ventina di siciliani per i quali va tutto bene”.

A Non è l’Arena ha espresso una posizione diversa da Sallusti anche Nunzia De Girolamo. “Io non penso che sia una situazione di tessuto sociale che attecchisce, perché la mafia come la ‘ndrangheta, è forte anche in Lombardia o in altre zone del Nord. È più eclatante in realtà come la Sicilia, poi è chiaro che quella omertà è anche frutto di paura”, ha detto l’ex deputata di Forza Italia. “Nunzia – le ha risposto Sallusti – è difficile trovare un lombardo che dice ‘secondo me uno che ha sciolto il bambino nell’acido è giusto che torni a casa’”. La replica di De Girolamo: “Però i lombardi hanno negato che c’era la ‘ndrangheta in Lombardia”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / 27 morti e 4.845 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività scende al 2,3%
Cronaca / “Neanche la terza dose basterà, dovremo farne una quarta”. L’avvertimento del prof Silvestri
Cronaca / Papeete, sequestro da 500mila euro per evasione fiscale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / 27 morti e 4.845 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività scende al 2,3%
Cronaca / “Neanche la terza dose basterà, dovremo farne una quarta”. L’avvertimento del prof Silvestri
Cronaca / Papeete, sequestro da 500mila euro per evasione fiscale
Cronaca / Modena, operaia di 41 anni muore incastrata in un macchinario
Cronaca / La trapper Chadia Rodríguez accusata di una rapina con lo spray al peperoncino
Cronaca / Sardegna e Sicilia rischiano la zona gialla: i ricoveri superano la soglia del 10%
Cronaca / Come scaricare il Green Pass se non hai ricevuto l’sms
Cronaca / Pisa, il mistero dello studente morto carbonizzato: si indaga sulle chat di un gioco online
Cronaca / Governo verso il nuovo decreto: green pass obbligatorio per i trasporti e ristoranti, no aziende e scuola
Cronaca / “Lei sarà dispensato dal lavoro”: azienda di Bologna licenzia 90 persone con un messaggio Whatsapp