Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Roma, baby gang picchia due ragazzi disabili e pubblica video sui social

Immagine di copertina

Sette ragazzini, tre di 18 anni e quattro minorenni, hanno aggredito due ragazzi sordi di 17 anni. La baby gang ha agito a Roma, all’ombra di San Pietro nel quartiere Aurelio, davanti al centro commerciale Aura. I fatti risalgono al cinque marzo, come raccontato da Repubblica. Gli aggressori sono accusati di lesioni aggravate e rapina e individuarli non è stato difficile perché le due vittime e il branco si conoscevano, pur non essendo amici. I sette, inoltre, hanno fatto circolare su Whatsapp e Telegram i video dell’aggressione.

Tra gli obiettivi della baby gang, infatti, c’era anche quello di filmare le botte. Quando le vittime sono arrivate davanti al centro commerciale, gli aggressori si sono messi davanti a loro e uno dei sette ha preso il telefonino per riprendere quanto stava per succedere. Il branco ha prima preteso un pagamento, al rifiuto dei due minorenni, poi, è partito il pestaggio. Le vittime in un primo momento hanno provato a difendersi, poi sono caduti a terra schiacciati dal branco. Tutto è accaduto davanti all’obiettivo dello smartphone ed è stato registrato: i calci, i pugni, le risate dei sette. L’aggressione è poi sfociata in un tentativo di rapina: la baby gang ha provato a portare via il giubbotto di una delle due vittime che all’interno conteneva il cellulare e cinque euro. Gli aggressori a quel punto sono scappati via lasciando a terra i due ragazzini che, dopo la chiamata ai genitori, sono andati al pronto soccorso. Hanno riportato entrambi un trauma cranico e facciale.

Gli investigatori del commissariato Aurelio, coordinati dal pubblico ministero Silvia Santucci, hanno sequestrato cellulari, tablet e computer e hanno recuperato tutto il materiale video diffuso sui social.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Incidente durante un’esercitazione: muoiono tre finanzieri del Soccorso alpino
Cronaca / Neonato trovato morto abbandonato sugli scogli, arrestata la nonna: lo ha soffocato
Cronaca / Femminicidio a Padova, 39enne getta la compagna da un cavalcavia sull’A4: arrestato
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Incidente durante un’esercitazione: muoiono tre finanzieri del Soccorso alpino
Cronaca / Neonato trovato morto abbandonato sugli scogli, arrestata la nonna: lo ha soffocato
Cronaca / Femminicidio a Padova, 39enne getta la compagna da un cavalcavia sull’A4: arrestato
Cronaca / Neonato trovato morto a Villa San Giovanni, non si esclude la pista della prostituzione minorile
Roma / Inaugurata la prima Newton Room permanente d’Italia all’Aeroporto di Fiumicino
Cronaca / Non raccoglie gli escrementi del suo cane: il sindaco pubblica le immagini sui social e annuncia multa
Cronaca / Aggressione omofoba a Reggio Calabria: arrestati tre giovani
Cronaca / Trovata la madre del neonato morto abbandonato tra gli scogli a Reggio Calabria: ha 13 anni
Cronaca / Terrorismo: arrestato a Torino un esponente dell’Isis
Cronaca / Impagnatiello: “Andai a pranzo da mia mamma con il cadavere di Giulia nell’auto”