Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:15
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Rimini, marito e moglie nominati alla guida di una parrocchia: manca il prete

Immagine di copertina

Rimini, marito e moglie nominati alla guida di una parrocchia: manca il prete

Per la prima volta una coppia di sposi guiderà una parrocchia rimasta senza prete nella diocesi di Rimini. Lo ha deciso il vescovo di Rimini Francesco Lambiasi, che dopo la partenza di don Angelo Rubaconti ha nominato il diacono Davide Carroli e la moglie Cinzia Bertuccioli come referenti pastorali di una parrocchia di Misano Adriatico.
Già nel 2018 a Roma, le autorità ecclesiastiche avevano deciso di affidare la parrocchia di San Stanislao, nella zona di Cinecittà, a un diacono sposato, Andrea Sartori, trasferitosi nella canonica con la moglie Laura e i loro quattro figli. A Rimini tuttavia, il vescovo ha deciso di dare l’incarico a entrambi i coniugi.
Il porporato ha spiegato la sua decisione, che ha destato non poche polemiche, affermando che “San Stanislao vive una speciale vocazione che è quella di diventare una diaconia: una comunità cristiana che, in sinergia con le parrocchie del territorio della prefettura, diventa uno spazio di accoglienza e di accompagnamento dei poveri e delle persone ferite e sole, in vista del loro sviluppo umano integrale.
“L’idea che c’è dietro è quella di recuperare una prassi antica della Chiesa, che prevedeva il sorgere di diaconie a fianco alle parrocchie, per il servizio dei poveri del territorio. A Roma ne è documentata l’esistenza fin dal VII secolo”, aveva dichiarato il cadinale vicario per la diocesi di Roma Angelo De Donatis.
Quello della crisi delle vocazioni è uno dei problemi principali che la Chiesa cattolica sta continuando ad affrontare anche sotto il pontificato di papa Francesco. Durante il Sinodo sull’Amazzonia che si è tenuto nel 2019 in Vaticano, i vescovi avevano aperto alla possibilità di ordinare sacerdoti i diaconi permanenti, uomini sposati che hanno ricevuto il primo grado dell’ordine sacro.
Ti potrebbe interessare
Cronaca / L’Earth Technology Expo a Firenze dal 13 al 16 ottobre
Cronaca / Gkn, accolto il ricorso Fiom: il giudice blocca i licenziamenti per 422 dipendenti
Cronaca / Droga: spaccio a Catania, coinvolti anche bambini di 10 anni
Ti potrebbe interessare
Cronaca / L’Earth Technology Expo a Firenze dal 13 al 16 ottobre
Cronaca / Gkn, accolto il ricorso Fiom: il giudice blocca i licenziamenti per 422 dipendenti
Cronaca / Droga: spaccio a Catania, coinvolti anche bambini di 10 anni
Cronaca / Morte Luana D’Orazio, la perizia della procura: “L’orditoio era stato manomesso”
Cronaca / 3.838 nuovi casi e 26 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,4%
Cronaca / Referendum contro il green pass, parte la raccolta firme
Cronaca / Green Pass all’aeroporto di Roma Fiumicino? I controlli con il QR code sono un miraggio: VIDEO
Cronaca / Bambino di 4 anni caduto dal balcone a Napoli. In un video diceva: “Ti butto giù”
Cronaca / Vola in Moldavia per la fecondazione assistita: 30enne di Chivasso muore dopo l’intervento
Cronaca / Cinema, stadi e teatri all’80% e deroghe al metro di distanza: le ipotesi del Governo per il nuovo decreto