Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:22
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Rimini, marito e moglie nominati alla guida di una parrocchia: manca il prete

Immagine di copertina

Rimini, marito e moglie nominati alla guida di una parrocchia: manca il prete

Per la prima volta una coppia di sposi guiderà una parrocchia rimasta senza prete nella diocesi di Rimini. Lo ha deciso il vescovo di Rimini Francesco Lambiasi, che dopo la partenza di don Angelo Rubaconti ha nominato il diacono Davide Carroli e la moglie Cinzia Bertuccioli come referenti pastorali di una parrocchia di Misano Adriatico.
Già nel 2018 a Roma, le autorità ecclesiastiche avevano deciso di affidare la parrocchia di San Stanislao, nella zona di Cinecittà, a un diacono sposato, Andrea Sartori, trasferitosi nella canonica con la moglie Laura e i loro quattro figli. A Rimini tuttavia, il vescovo ha deciso di dare l’incarico a entrambi i coniugi.
Il porporato ha spiegato la sua decisione, che ha destato non poche polemiche, affermando che “San Stanislao vive una speciale vocazione che è quella di diventare una diaconia: una comunità cristiana che, in sinergia con le parrocchie del territorio della prefettura, diventa uno spazio di accoglienza e di accompagnamento dei poveri e delle persone ferite e sole, in vista del loro sviluppo umano integrale.
“L’idea che c’è dietro è quella di recuperare una prassi antica della Chiesa, che prevedeva il sorgere di diaconie a fianco alle parrocchie, per il servizio dei poveri del territorio. A Roma ne è documentata l’esistenza fin dal VII secolo”, aveva dichiarato il cadinale vicario per la diocesi di Roma Angelo De Donatis.
Quello della crisi delle vocazioni è uno dei problemi principali che la Chiesa cattolica sta continuando ad affrontare anche sotto il pontificato di papa Francesco. Durante il Sinodo sull’Amazzonia che si è tenuto nel 2019 in Vaticano, i vescovi avevano aperto alla possibilità di ordinare sacerdoti i diaconi permanenti, uomini sposati che hanno ricevuto il primo grado dell’ordine sacro.
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, 40enne violentata alla Garbatella: l’aggressore in fuga
Cronaca / Gas, la Russia azzera le forniture all’Italia
Cronaca / Treviso, ruba tre auto e scappa: durante la fuga uccide un ciclista
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, 40enne violentata alla Garbatella: l’aggressore in fuga
Cronaca / Gas, la Russia azzera le forniture all’Italia
Cronaca / Treviso, ruba tre auto e scappa: durante la fuga uccide un ciclista
Cronaca / Maltempo in Sicilia, trombe d’aria e fiumi di fango. Un autobus si ribalta
Cronaca / Putin annette le regioni ucraine: “Saranno russe per sempre. Ora disposti a negoziare”
Cronaca / Carminati e Buzzi condannati in via definitiva: la Cassazione rigetta il ricorso
Cronaca / Abano Terme, 30enne accoltellato a morte: confessa la fidanzata
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Scuola: l'algoritmo del ministero lascia i supplenti senza posto di lavoro
Cronaca / Svaligiato il ristorante dello chef Cannavacciuolo a Torino