Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 00:02
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Covid, Rieti: radiografie ai pazienti nel parcheggio dell’ospedale: immagini shock

Immagine di copertina
Crediti: Paola Corradini

Rieti, radiografie ai pazienti nel parcheggio dell’ospedale perché non c’è più posto nei reparti

La pandemia sta mettendo in ginocchio le strutture ospedaliere d’Italia e all’ospedale San Camillo De Lellis di Rieti la situazione diventa sempre più complicata: radiografie nel parcheggio dell’ospedale perché all’interno della struttura non c’è più posto nei reparti Covid, medici ed infermieri risultati positivi e turni estenuanti di 12 ore (e anche più). Il personale è stremato: ieri al De Lellis il pronto soccorso e l’area Covid erano ormai saturi e i medici non avevano più posto per i pazienti.

Crediti: Paola Corradini
Crediti: Paola Corradini

Come ha spiegato a TPI Paola Corradini del Corriere di Rieti, “secondo le testimonianze raccolte, al momento per l’analisi dei tamponi molecolari è indietro di 2.200 tamponi considerando che ogni giorno al drive in ne vengono effettuati in media 270 e c’è solo un macchinario che non può analizzarne più di 220 con tempi di attesa per le risposte che arrivano anche ad una settimana come testimoniano le lettere di protesta inviate dai cittadini all’azienda e agli organi d’informazione. Altro problema lamentato invece da medici e personale sanitario è che, nonostante in molti siano venuti a contatto con colleghi o pazienti positivi, vengono “invitati” dall’azienda, che ha sospeso le richieste di ferie, ad andare a lavorare in attesa di essere sottoposti a tampone con tempi che possono arrivare anche a dieci giorni mentre continuano ad operare e a muoversi nei reparti”.

Paola ha poi precisato che questa mattina un primario di cardiologia è in rianimazione e ci sono sette infermiere positive. Come testimonia un dipendente: “Praticamente nel reparto non c’è più personale, soprattutto per le procedure notturne interventistiche perché non c’è altro personale formato per quel tipo di professionalità con il rischio che se arriva un paziente grave non può avere l’assistenza di cui necessita”.

La replica dell’ospedale

Il direttore del dipartimento di Emergenza e Accettazione, Flavio Mancini, ha quindi spiegato: “Il Pronto Soccorso dell’Ospedale de’ Lellis di Rieti ha messo a punto un percorso per i pazienti che giungono in ambulanza per patologia riferibile al SARS-CoV2. Per evitare attese prolungate, laddove le condizioni generali lo permettano (parametri vitali nella norma), al suo arrivo in ospedale il paziente viene immediatamente sottoposto, senza entrare all’interno della Struttura, al tampone molecolare (se paziente ancora non definito come Covid+) e ad una radiografia del torace. In poco più di mezz’ora il paziente, in caso di risultati nella norma, può tornare al suo domicilio senza dover rischiare attese lunghissime in ambulanza o di stazionare in ambienti con pazienti sospetti con sintomi più gravi, come sta accadendo purtroppo in molti Pronto Soccorso d’Italia, a causa dell’aumento della curva dei contagi. Tale procedura è possibile grazie alla fattiva collaborazione tra il Dipartimento di Emergenza e Accettazione e l’Unità Diagnostica per Immagini aziendale. Le barriere in costruzione che si scorgono sullo sfondo della foto, sono il “tunnel” che verrà completato entro breve per effettuare tale percorso in ambiente ancor più protetto”.

Infine, si specifica: “La Direzione Aziendale è orgogliosa per lo sforzo straordinario messo in campo dal personale del Pronto Soccorso per fronteggiare la ripresa virulenta della pandemia e dell’attivazione di tutti quei percorsi che possono contribuire fattivamente alla gestione complessiva dei pazienti in un momento così critico per l’intera Comunità. Con l’occasione, la Direzione Aziendale torna a ricordare a tutti i cittadini di recarsi al Pronto Soccorso soltanto per casi veramente urgenti. In queste ore stiamo riscontrando un progressivo aumento degli accessi e in questa fase particolarmente critica non possiamo permetterci di appesantire il sistema con accessi impropri. Il Pronto Soccorso è il servizio dedicato solo alle urgenze e alle emergenze sanitarie. Deve quindi rivolgersi al Pronto Soccorso una persona che si trova in condizioni cliniche critiche. In tutti gli altri casi bisogna rivolgersi, con fiducia, ai servizi territoriali”.

Leggi anche:

1. Salerno: muore di Covid in ospedale, i parenti aggrediscono il medico / 2. Covid-19 fuori controllo: a Milano arriva l’Esercito per fare i tamponi

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sicurezza COVID-19 nelle scuole: un diritto per gli studenti, un dovere per le autorità sanitarie
Cronaca / Padre denuncia il figlio 16enne che aveva picchiato un compagno di scuola: “Dove abbiamo sbagliato?”
Cronaca / Covid, 2.697 casi e 70 morti nell'ultimo giorno, positività allo 0,4%. Nuovo record di tamponi: oltre 600mila
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sicurezza COVID-19 nelle scuole: un diritto per gli studenti, un dovere per le autorità sanitarie
Cronaca / Padre denuncia il figlio 16enne che aveva picchiato un compagno di scuola: “Dove abbiamo sbagliato?”
Cronaca / Covid, 2.697 casi e 70 morti nell'ultimo giorno, positività allo 0,4%. Nuovo record di tamponi: oltre 600mila
Cronaca / Stangata su benzina e gasolio, i prezzi per un pieno volano e sono destinati ad aumentare ancora
Cronaca / Blitz contro le organizzazioni neonaziste in tutta Italia: 26 indagati
Cronaca / Covid, oggi 1.597 casi e 44 morti: tasso di positività allo 0,7%
Cronaca / Inchiesta mascherine, l'ex commissario all'emergenza Covid Arcuri indagato per abuso d’ufficio e peculato
Cronaca / Come può cambiare il virus nei prossimi mesi: ecco tutte le variabili
Cronaca / Sgomberati dalla Regione Lazio, i no green pass Barillari e Cunial chiedono asilo politico alla Svezia
Cronaca / Trieste: la polizia sgombera il varco 4 del porto, occupato dai manifestanti no green pass