Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:31
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Riceve bolletta da 33mila euro, 75enne colpita da un malore: ora la prima vittoria in tribunale

Immagine di copertina
Credit: Ansa

Riceve bolletta da 33mila euro, 75enne colpita da un malore: ora la prima vittoria in tribunale

“Mi ha detto di leggere bene la bolletta e quando mi sono accorta che non c’era scritto 33 euro ma bensì 33mila euro ho dovuto appoggiarmi al banco, perché mi sentivo male”. È il racconto fatto a Il Gazzettino da una 75enne della provincia di Belluno, colpita da un malore nel 2017 dopo aver ricevuto una bolletta monstre da 33.285,19 euro.

Il caso è arrivato in tribunale, dove nelle scorse settimane la signora Grazia Cari, veneta di Mugnai, frazione di Feltre, e il figlio hanno ottenuto una prima vittoria. Il giudice ha infatti dato ragione ai due, che contestavano “ritardi nella fatturazione completamente addebitabili all’ente fornitore”, revocando il decreto ingiuntivo notificato a novembre 2020, in piena pandemia. La maxi fattura, recapitata nel 2017, riguardava i consumi di gas nei dieci anni precedenti, in cui le bollette non erano mai arrivate. Il figlio aveva ripetutamente sollecitato l’ente chiedendo la lettura del contatore, che era stato sostituito dopo il subentro da un precedente contratto, senza aver ricevuto risposta. Secondo il tribunale di Belluno, la compagnia “non ha provato l’effettività dei consumi e la conformità dei corrispettivi applicati a quelli concordati, né il corretto funzionamento del contatore”, oltre ad aver chiesto in diverse occasioni cifre diverse. “Non è chiaro, all’esito del giudizio, come siano stati fatturati importi così elevati per un’utenza riferita ad un’abitazione familiare”, ha detto la giudice nella sentenza.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Genova, cameriera chiede il pagamento dello stipendio: “Picchiata dai titolari del ristorante”
Cronaca / “Ero condannato all’ergastolo, ora produco drill e trap”: storia dell’etichetta discografica nata nel carcere di Bollate
Cronaca / Aborto: ecco perché lo tsunami pro-life può travolgere anche l’Italia
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Genova, cameriera chiede il pagamento dello stipendio: “Picchiata dai titolari del ristorante”
Cronaca / “Ero condannato all’ergastolo, ora produco drill e trap”: storia dell’etichetta discografica nata nel carcere di Bollate
Cronaca / Aborto: ecco perché lo tsunami pro-life può travolgere anche l’Italia
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Palermo, ascensore precipita dal quinto piano: tre feriti gravi
Cronaca / Adinolfi contro il logo del Giubileo: “Ma è un Gay pride?”. La replica del Vaticano
Cronaca / Covid, nuovo picco di casi. Bassetti: “Rischio lockdown estivo”
Cronaca / Milano, l’eurodeputato Fidanza (FdI) indagato per corruzione
Cronaca / Carri armati diretti in Ucraina fermati sull’autostrada Salerno-Caserta: documenti non in regola
Cronaca / Roma, precipita dal quinto piano ma si rompe solo una gamba