Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Resta incinta a 13 anni col fidanzato 19enne. In tribunale mano nella mano: “Non mi ha violentata”

Immagine di copertina

Lei 15 anni, lui 21. Dalla loro unione è nata una bambina che oggi ha un anno. Hanno iniziato a frequentarsi quando lui era maggiorenne e – anche se l’unione sembra volontaria – sulla coppia pesa l’accusa di atti sessuali su minore sia sul ragazzo allora 19enne, sia sulla madre della ragazzina per non aver fatto nulla per evitare quella relazione.
Da quando è nata la bambina convivono a casa dei genitori di lui.

Ieri in Tribunale a Mantova si è svolta l’udienza preliminare. Davanti al giudice i due ragazzi si sono presentati mano nella mano, con la figlia in braccio e tutta la famiglia al seguito. Il ragazzo adesso sta per compiere 21 anni mentre la ragazza, diventata la sua compagna, ha 15 anni: da quando è nata la bimba, che ha un anno, convivono a casa con i genitori di lui, nel Mantovano. Entrambi sono italiani, ma per tutelare il minore non sono stati diffusi altri particolari.

I fatti risalgono al 2021 quando il giovane, allora 19enne, e la ragazzina 13enne avevano intessuto una relazione nata dalla frequentazione che le due famiglie, amiche da anni, avevano. C’erano anche legami di parentela acquisita tra i due: sono, infatti, cognati visto che un fratello e una sorella sono marito e moglie. Galeotta è stata una vacanza trascorsa insieme d’estate.

A fare il primo passo, ha sempre sostenuto la giovane, era stata proprio lei, senza far minimamente caso alla differenza d’età.

La ragazzina allora frequentava le scuole medie e pare siano stati proprio i professori a segnalare ai servizi sociali il suo caso quando rimase incinta. La ragazzina fu anche ascoltata dai carabinieri e nonostante avesse detto che non vi era stata alcuna violenza ma solo amore tra loro, fu aperto un procedimento d’ufficio nei confronti del ragazzo per quella relazione che si configurava come un atto sessuale su una minorenne.

Ieri i due si sono presentati con i loro avvocati e la bimba all’udienza preliminare che poi è stata rinviata a ottobre per un vizio di forma che aveva impedito alla mamma della ragazza di nominare il difensore. “A sconfessare la violenza – ha dichiarato all’uscita dal palazzo di giustizia l’avvocato Giovanni Gasparini, di Mantova, che difende il ragazzo – è stato lo stesso atteggiamento dei ragazzi, mano nella mano. Una situazione molto tenera che dimostra come siano innamoratissimi e compongano una famiglia molto unita”. “Questa – ha aggiunto il legale – è una vicenda molto particolare. La legge stabilisce dei limiti al di qua dei quali si pone l’illiceità. Questi limiti, però, devono essere precisi e determinanti. Ma questo solco dell’illiceità è difficile da stabilire. Spetta a noi avvocati fare emergere la peculiarità del caso e distinguere tra fattispecie penale astratta e realtà. Se il fatto – ha concluso – fosse avvenuto solo 8 mesi dopo la ragazza avrebbe avuto 14 anni e sarebbe stato lecito”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Chi è Andrea Piscina, lo speaker di Rtl 102.5 arrestato per aver adescato bambini online
Cronaca / Ragusa, dà fuoco alla casa mentre la famiglia dorme: muoiono la madre e una sorella
Cronaca / Adescava bambini online fingendosi "Alessia": arrestato speaker di Rtl 102.5
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Chi è Andrea Piscina, lo speaker di Rtl 102.5 arrestato per aver adescato bambini online
Cronaca / Ragusa, dà fuoco alla casa mentre la famiglia dorme: muoiono la madre e una sorella
Cronaca / Adescava bambini online fingendosi "Alessia": arrestato speaker di Rtl 102.5
Cronaca / Lettera al sindaco di Trieste: “Sgomberare il Silos dei migranti non è la soluzione”
Cronaca / Reggio Emilia, violentava in casa la figlia della compagna: 39enne ai domiciliari
Cronaca / È uscito il nuovo numero di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Zerocalcare apre un’osteria a Roma: ecco dove sarà e quanto si pagherà
Cronaca / La madre di Saman Abbas ha accettato l’estradizione in Italia dal Pakistan
Cronaca / Aiop Giovani, Gaia Garofalo eletta Presidente Nazionale
Cronaca / Modena, va dai carabinieri col cadavere della moglie nel furgone