Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Scommesse, operazioni sospette e infiltrazioni dei clan: Report indaga sugli affari del ds della Lazio Tare

Immagine di copertina

L’inchiesta di Report sui legami tra calcio e clan che coinvolge il ds della Lazio Tare

Spunta anche il nome del direttore sportivo della Lazio, Igli Tare, nell’inchiesta di Report sui legami tra calcio e clan, che andrà in onda stasera, lunedì 7 giugno, alle 21,15 su Rai 3.

Nell’inchiesta “Splendori e miserie dei signori del calcio” si tenta di far luce su un giro di affari e di conflitti di interesse con infiltrazioni della criminalità organizzata.

In particolare sono due gli episodi al centro del reportage. Il primo riguarda un’indagine della procura di Bari, partita dalle rivelazioni del Gico della Guardia di Finanza, che nel 2018 arresta 22 persone legate ai clan Capriati e Parisi.

L’inchiesta rivela un’alleanza tra mafia siciliana, ‘ndrangheta e clan baresi per investire in una rete di sale scommesse, in Italia e all’estero.

In particolare le cosche puntano all’acquisto della Top Bast, società albanese di scommesse con all’attivo circa 400 sale, intestata a Ermal Barjami, che, secondo la Guardia di Finanza, sarebbe un prestanome.

Nell’ordinanza della procura di Bari, infatti, si legge che “di fatto, la società è dei fratelli Genti e Igli Tare, rispettivamente console albanese in Turchia e direttore sportivo della società sportiva Lazio”.

A conferma di ciò, secondo gli investigatori, vi sarebbero una serie di contatti intercorsi tra gli emissari dei clan e Genti Tare. In particolare, vi sono una serie di mail che contengono le basi per un possibile accordo e nelle quali si parla di un incontro, fissato per l’8 gennaio 2015, tra Genti Tare e il capo dell’organizzazione barese, Francesco Martiradonna.

La vendita, però, non va a buon fine, motivo per cui i fratelli Tare non vengono indagati. Le carte dell’inchiesta, però, vengono inviate alla procura federale della Figc per fare luce sul ruolo di Tare, dal momento che il direttore di un club non può essere proprietario di un’agenzia di scommesse. La procura, però, conduce una serie di accertamenti, ma non ascolta Igli Tare.

Lo stesso Tare, che a La Repubblica si dice estraneo alla vicenda dichiarando di essere “vittima di un tentativo di discredito da parte di soggetti terzi”, conferma di non essere mai stato sentito dai magistrati sportivi.

Igli Tare, però, entra in ballo anche in un’altra operazione, questa volta di calciomercato, che riguarda l’acquisto, da parte della Lazio, dell’attaccante kosovaro Vedat Muriqi.

Muriqi viene acquistato dalla squadra turca del Fenerbahçe nell’estate del 2020 in un’operazione da 17,5 milioni di euro alla quale partecipano almeno quattro intermediari.

Oltre all’agente e all’avvocato del calciatore, infatti, entrano nell’affare anche l’albanese Shkumbin Qormemeti, in ottimi rapporti con il ds della Lazio, e i fratelli Gabriele e Valerio Giuffrida.

La Lazio dichiara di aver pagato la commissione alla GG11 di Gabriele Giuffrida, società di cui, fino al 2017, è stato socio anche il fratello Valerio.

La stranezza sta nel fatto che Valerio Giuffrida è stato per circa due anni anche sindaco supplente della Lazio Events, la holding attraverso la quale Claudio Lotito, patron della Lazio, controlla la società biancoceleste.

Un incarico lasciato prima dell’operazione Muriqi, ma che rivela lo stretto rapporto tra Giuffrida e la Lazio. Dal canto suo la società biancoceleste fa sapere che “Valerio Giuffrida non è mai passato dalla supplenza all’incarico effettivo”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Ferrero torna in libertà: “Questi sei mesi sono stati tremendi”
Cronaca / Malore in volo durante le riprese di un film: pilota atterra, ma muore poco dopo. Salvo il passeggero
Cronaca / Covid, oggi 9.820 casi e 80 morti: il bollettino del 23 maggio 2022
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Ferrero torna in libertà: “Questi sei mesi sono stati tremendi”
Cronaca / Malore in volo durante le riprese di un film: pilota atterra, ma muore poco dopo. Salvo il passeggero
Cronaca / Covid, oggi 9.820 casi e 80 morti: il bollettino del 23 maggio 2022
Cronaca / Epatite acuta nei bambini, l’Italia è il Paese europeo con più casi. Oms indaga su legame adenovirus-Covid
Cronaca / “Sta ‘zoccoletta’ avrà quel che si merita”: studentessa insultata sui social da un professore per il suo abbigliamento
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, primo caso in Toscana: salgono a 4 i contagi registrati in Italia
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, la Spagna indaga sul Gay Pride delle Canarie: “Possibile focolaio d’Europa”
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, Oms: “Finora 92 casi in 12 Paesi, attesi altri contagi”
Cronaca / Ilaria Capua: “Peste suina? Un’emergenza annunciata per cui non esiste il vaccino”
Cronaca / Covid, 17.744 casi e 34 morti: il bollettino di oggi