Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:37
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Replica Eni per l’articolo TPI – “Controlli mai fatti in 25 anni”: lo scandalo dell’impianto Eni in Basilicata

Immagine di copertina
Credit: AGF

TPI riceve e pubblica la replica Eni per l'articolo pubblicato sul Centro Olio Val d’Agri (COVA)

Con riferimento all’articolo  “Controlli mai fatti in 25 anni”: lo scandalo dell’impianto Eni in Basilicata”, precisiamo che in Basilicata Eni ha sempre operato in assoluta osservanza alle normative vigenti in materia di tutela dell’ambiente e nel pieno rispetto delle indicazioni di merito degli Enti territoriali preposti al controllo.

La società ha definito e completato, secondo quanto prescritto dall’Autorizzazione Integrata Ambientale (D.G.R. n. 627/2011 e ss.mm.ii.) del Centro Olio Val d’Agri (COVA), un sistema di monitoraggio ambientale unico nel suo genere, all’avanguardia in Europa per complessità, numero e modernità delle tecnologie impiegate. Per la sua implementazione, Eni ha coinvolto, professionalità riconosciute nel mondo scientifico e importanti referenze universitarie.

Il sistema di monitoraggio ambientale del COVA, ad oggi, comprende:

  • 10 centraline per il monitoraggio in continuo della qualità dell’aria, di cui 5 di proprietà ARPAB e 5 di proprietà Eni;
  • 4 centraline fisse e 7 fonometri per il monitoraggio in continuo dei livelli di pressione sonora;
  • Un sistema di monitoraggio degli ecosistemi che include il campionamento dei parametri chimico-fisici e microbiologici delle acque superficiali (incluso l’invaso del Pertusillo); il campionamento delle acque sotterranee e sia attorno al COVA che nell’area interessata dal Piano; monitoraggio del suolo e campionamento di suolo superficiale (top soil); 223 siti per il monitoraggio della flora su un’area di 100 km2; monitoraggio della fauna, inclusi punti di ascolto di uccelli e chirotteri, foto-trappole e transetti per mammiferi, censimento e valutazione dello stato ecologico della fauna ittica fluviale e lacuale;
  • 33 stazioni di biomonitoraggio (15 collocate in prossimità del COVA e 18 inserite nell’area vasta circostante), nonché 20 stazioni collocate nelle immediate vicinanze del COVA;
  • 8 “Nasi” elettronici “addestrati” per le eventuali emissioni odorigene prodotte dal COVA;
  • 15 stazioni di rilevamento dell’attività microsismica collegate con la rete dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, su un’area di indagine di 1.500 km2;
  • Un Sistema di Monitoraggio in Continuo delle Emissioni (SMCE) per le emissioni in atmosfera convogliate ai camini.

Il sistema di monitoraggio all’esterno del COVA rileva la presenza di più di 7 punti di monitoraggio per km2, a fronte di una densità abitativa dell’area pari a circa 60 abitanti per km2. Esso consente di raccogliere una mole imponente di dati che costituiscono una preziosa fonte di conoscenza del territorio della Val d’Agri a disposizione delle Istituzioni, degli Enti di controllo e delle comunità locali.

Quanto alla qualità dell’aria, l’analisi dei dati raccolti negli anni su tutti i monitoraggi effettuati conferma che non solo i valori registrati nell’area industriale di Viggiano sono ampiamente al di sotto dei limiti di legge per tutti i parametri monitorati, ma anche che la qualità dell’aria di Viggiano è significativamente migliore rispetto alla quasi totalità dei centri urbani italiani.

Inoltre, Eni ha avviato un progetto di monitoraggio della qualità dei prodotti agroalimentari in collaborazione con Coldiretti Basilicata, Azienda Sanitaria di Potenza e Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Puglia e Basilicata, che prevede analisi ambientali sulla qualità dell’aria e analisi biologiche sulla carne e sul latte di bovini, nelle aree interessate dalle attività estrattive in Val d’Agri. Dai risultati dei monitoraggi emergono valori analitici molto al di sotto di valori raccomandati dalle normative specifiche del settore.

Nelle immediate vicinanze del Centro Olio Val d’Agri è attivo “Agrivanda”, un progetto di riqualificazione agricola e biomonitoraggio ambientale con l’ausilio delle api. Nell’ultimo anno sono stati installati 20 alveari distribuiti in 5 postazioni e 200.000 api bottinatrici per 35 km2 di territorio esplorato dalle api. Gli studi sulla qualità ambientale sono condotti in collaborazione con l’Università di Bologna e sono tuttora in corso.

Attraverso il sito internet e l’app “Eni in Basilicata”, è possibile consultare dati ed informazioni sulla qualità dell’aria e dell’acqua raccolti dalla rete di rilevamento Eni dislocata attorno al Centro Olio Val d’Agri, aggiornati costantemente e a disposizione di tutti.

In un’ottica di massima trasparenza e pubblicità dei dati, Eni ha realizzato GEA (Geomonitoraggi Emissioni Ambientali), una sala di monitoraggio ambientale con sede a Viggiano, in cui confluiscono i dati provenienti dai punti di rilevamento della rete controllo del Centro Olio Val d’Agri e delle aree afferenti del Distretto Meridionale di Eni.

In relazione alla Visita Ispettiva ARPAB appena conclusasi, per ognuno degli argomenti evidenziati e citati anche nel vs. articolo, Eni fornirà puntuale riscontro nei tempi e nei modi previsti dalla legge.  Inoltre, Eni ha costantemente fornito evidenze formali circa il rispetto e l’ottemperanza al quadro prescrittivo dell’attuale AIA del COVA rilasciata dalla Regione Basilicata con DGR 627/2011.

Alla luce di tutto ciò riteniamo ingannevole il titolo “Controlli mai fatti in 25 anni”, nonché fuori luogo alcuni passaggi presenti nell’articolo (“nessuno fino a dicembre – per paura, per quieto vivere, per non ostacolare un grande business – si è mai azzardato a fare qualche verifica”; “Il marchio del proprietario è il cane nero a sei zampe”, ecc.).

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Milano, sceglie una persona a caso e la spinge sui binari della metro mentre arriva il treno: arrestata
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Milano, tabaccaio ruba a un cliente un Gratta e vinci da 100mila euro: indagato per truffa
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Milano, sceglie una persona a caso e la spinge sui binari della metro mentre arriva il treno: arrestata
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Milano, tabaccaio ruba a un cliente un Gratta e vinci da 100mila euro: indagato per truffa
Cronaca / Investe un cinghiale, morto 17enne nel casertano: guidava l’auto senza patente
Cronaca / Pullman scoperto della Roma: le strade chiuse oggi, deviazioni, metro chiusa, bus
Cronaca / Donna uccisa a coltellate a Vittoria, fermato il killer: “Omicidio casuale”
Cronaca / “Impossibile ignorare quelle fanciulle in fiore”: polemiche sul libro del prof che ha dato della “zoccoletta” a un’alunna
Cronaca / Stromboli, domato l’incendio scoppiato sul set di una fiction con Ambra Angiolini
Cronaca / Falcone spiato, dopo l’inchiesta di TPI presentata un’interrogazione in Senato
Cronaca / Regione Lazio, via libera alla legge sui diritti delle persone con disabilità