Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:29
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Reggio Emilia, 15enne stuprata a una festa con gli amici: arrestato un compagno di classe

Immagine di copertina

Reggio Emilia, 15enne stuprata a una festa con gli amici: arrestato un compagno di classe

“Venite, mia sorella è stata violentata”. Così la sorella maggiore di una studentessa di Reggio Emilia ha chiesto l’intervento dei carabinieri venerdì scorso, quando la 15enne l’aveva chiamata per dirle che era appena stata violentata dai compagni di classe. Poche ore prima, la ragazza si era recata nella casa di uno dei ragazzi assieme ad altri tre coetanei (altri due ragazzi e una ragazza), dopo che avevano deciso di saltare le lezioni.

Nell’appartamento, rimasto libero perché la madre di uno dei compagni di classe era a lavoro, i cinque avevano iniziato a bere alcune bottiglie di vino e vodka. Dopo qualche ora l’altra ragazza aveva deciso di rientrare a casa, lasciando i tre compagni con la studentessa. Secondo quanto raccontato dalla 15enne ai militari, in tarda mattinata sarebbe stata costretta ad avere rapporti sessuali. In particolare la ragazza ha dichiarato di essere stata stuprata dal figlio della padrona di casa, affermando di non ricordare altro di quanto accaduto. Un’accusa respinta dal 15enne, che durante l’udienza di convalida dell’arresto tenuta ieri, ha dichiarato che la ragazza era consenziente. Anche gli altri due ragazzi sono indagati dalla procura dei minori, con l’accusa di aver comunque approfittato dell’ubriachezza della compagna di classe.

I carabinieri, intervenuti dopo che la vittima era riuscita a lasciare l’abitazione nel primo pomeriggio, hanno trovato la casa vuota, con la porta aperta. Il 15enne, che ieri è stato posto agli arresti domiciliari, è stato trovato nel retro dell’edificio, mentre parlava al telefono col padre per riferire quanto accaduto.

Una volta in caserma, il suo cellulare ha continuato a ricevere messaggi dagli altri compagni, notati dagli inquirenti. “Questa dice che è stata stuprata”, “lasciala tornare a casa”, “siamo nella merda”, “fai qualcosa”, le frasi finite agli atti. Secondo la pm Alessandra Serra, anche gli altri ragazzi sono accusati di aver abusato “delle condizioni di inferiorità psichica e fisica, avendo la medesima pesantemente abusato di sostanze alcoliche quali vino e vodka alla pesca, in tali quantità da compromettere la capacità di esprimere un valido consenso”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'Aquila, auto finisce nel giardino di un asilo: morto un bambino
Cronaca / Fedez invita Liliana Segre al suo podcast: “Sarei felice di ospitarla a Muschio Selvaggio”
Cronaca / Perdita dell’udito, rash cutanei, orticaria: i nuovi sintomi della variante Omicron
Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'Aquila, auto finisce nel giardino di un asilo: morto un bambino
Cronaca / Fedez invita Liliana Segre al suo podcast: “Sarei felice di ospitarla a Muschio Selvaggio”
Cronaca / Perdita dell’udito, rash cutanei, orticaria: i nuovi sintomi della variante Omicron
Cronaca / Covid, 30.408 casi e 136 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / L’Aquila, auto finisce nel giardino di un asilo: morto un bambino
Cronaca / Ruby ter, la pm: “Berlusconi aveva schiave sessuali, questa è storia”
Cronaca / Giornalisti picchiati alla cena della Roma, la società caccia il bodyguard
Cronaca / Suicidio assistito, l'appello di Fabio Ridolfi: "Lo Stato mi aiuti a morire"
Cronaca / Mosca espelle 24 diplomatici italiani: “Da Roma azioni ostili e immotivate”
Cronaca / Flatulenze al Tg1, la giornalista Mondini: “In ufficio non si respirava, i capi dissero ‘calci in c**o per chi non resta”