Processo Cucchi bis, la difesa del maresciallo Roberto Mandolini: “Tedesco è un bugiardo”

Nell'aula bunker di Rebibbia è andata in scena l'arringa difensiva del legale del maresciallo Mandolini, uno dei carabinieri imputati nel processo sulla morte di Stefano Cucchi

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 6 Nov. 2019 alle 14:57 Aggiornato il 6 Nov. 2019 alle 17:50
22
Immagine di copertina

Processo Cucchi bis: la difesa del maresciallo Roberto Mandolini

Nella mattinata di oggi, mercoledì 6 novembre, nell’aula bunker di Rebibbia, a Roma, è andata in scena l’arringa finale della difesa del maresciallo Roberto Mandolini, tra gli imputati nel processo Cucchi bis.

Mandolini è uno dei carabinieri imputati di falso e calunnia nell’ambito del dibattimento sulla morte di Stefano Cucchi, il geometra romano morto nel 2009 una settimana dopo essere stato arrestato per droga.

Caso Cucchi: la ricostruzione della vicenda

Il legale di Mandolini, Piero Frattarelli, ha difeso il suo assistito affermando che: “Le tesi accusatorie sono infondate e ricche di suggestioni. La logica e il buonsenso sono state prese a randellate in questo processo”.

L’arringa difensiva si è concentrata soprattutto nei confronti del carabiniere Francesco Tedesco (qui il suo profilo), che grazie alle sue dichiarazioni ha indicato le responsabilità nel pestaggio nei confronti di Stefano Cucchi da parte di alcuni componenti dell’Arma.

10 anni dalla morte di Stefano Cucchi: chi è stato condannato e assolto finora, il punto sui processi

Tedesco secondo Frattarelli è “un bugiardo e un calunniatore, è documentalmente dimostrato. Non è quell’angelo che descrivono i suoi difensori”.

Processo Cucchi bis, le richieste del pm: 18 anni per due dei cinque carabinieri imputati

Nei confronti di Mandolini, il pm Giovanni Musarò aveva chiesto 8 anni di reclusione per il reato falso e “il non doversi procedere” per la prescrizione del reato di calunnia di cui era anche accusato.

Tuttavia, il legale del maresciallo ha chiesto l’assoluzione per entrambi i reati anche perché, nel caso della seconda accusa a suo avviso, “Chiedere la prescrizione sarebbe una resa”.

La prossima udienza si terrà il 12 novembre quando ci saranno le arringhe difensive dei legali di Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro, i due carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale e per i quali il pm ha chiesto 18 anni di reclusione.

La sentenza, invece, è prevista per il prossimo 14 novembre.

Caso Cucchi, il carabiniere Casamassima a TPI: “Pago per aver detto la verità, nell’Arma regna l’omertà”

22
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.