Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Prende lo stipendio per 15 anni senza lavorare neanche un giorno: scoperto assenteista all’ospedale di Catanzaro

Immagine di copertina

Prende lo stipendio per quindici anni senza lavorare neanche un giorno

Un addetto alla prevenzione incendi dell’ospedale di Catanzaro ha percepito lo stipendio per quindici anni senza aver lavorato neanche un giorno.

L’incredibile vicenda è stata scoperta dalla Guardia di Finanza, coordinata dalla procura di Catanzaro, che ha passato al setaccio i tabulati di presenza e i turni di servizio del nosocomio.

Secondo quanto ricostruito, Salvatore Scumace, questo il nome dell’assenteista, risultava un dipendente del Centro Operativo Emergenza Incendi (C.O.E.I.) dell’ospedale Pugliese Ciaccio di Catanzaro, ma di fatto non ha mai messo piede sul posto di lavoro.

L’unica volta che Scumace è stato visto al C.O.E.I. è stato nel 2005 quando si è recato nell’ufficio della responsabile, la quale aveva segnalato l’assenteismo dell’uomo, per minacciarla al fine di “convincerla” a ritirare le segnalazioni.

Quando la donna è andata in pensione, il nuovo responsabile del C.O.E.I., Nino Critelli e i due dirigenti pro tempore dell’ufficio risorse umane Vittorio Prejanò e Maria Pia De Vito, ora tutti indagati per abuso d’ufficio, non hanno ritenuto necessario approfondire la questione facendo ulteriori controlli.

Non solo, nel 2020 l’ospedale ha avviato un procedimento disciplinare nei confronti di Scumace, affidando la questione a un’apposita commissione, che però non ha preso provvedimenti specifici contro il dipendente fantasma.

Motivo per cui anche il presidente della commissione, Domenico Canino, e due membri, Laura Fondacaro e Antonino Molè, sono stati iscritti nel registro degli indagati per il reato di falso in atto pubblico e abuso d’ufficio.

Salvatore Scumace, invece, nel 2020 dopo un secondo procedimento disciplinare è stato licenziato per giusta causa e ora dovrà rispondere anche di estorsione aggravata.

Leggi anche: Napoli, massacrato con crick e pugnale per un parcheggio. La figlia: “Voleva difendere me”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Neve a bassa quota e gelo artico, torna l'inverno sull'Italia
Cronaca / Navigatore solitario disperso in mare tra Grecia e Italia: salvato dalla Guardia Costiera
Cronaca / Omicidio Mollicone, la testimone: “Serena ha litigato con un ragazzo il giorno della scomparsa”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Neve a bassa quota e gelo artico, torna l'inverno sull'Italia
Cronaca / Navigatore solitario disperso in mare tra Grecia e Italia: salvato dalla Guardia Costiera
Cronaca / Omicidio Mollicone, la testimone: “Serena ha litigato con un ragazzo il giorno della scomparsa”
Cronaca / Montepulciano, 23enne morto sul lavoro: è stato colpito al petto da un tubo di ferro
Cronaca / Milano, abusi su bambine in una scuola materna: maestro arrestato
Cronaca / Napoli, traghetto da Capri urta banchina: una trentina i feriti, uno in codice rosso
Cronaca / Marco Luis (“il bodybuilder più pompato di sempre”) è morto a 46 anni per cause ignote
Cronaca / Armato a San Pietro: arrestato a Roma super ricercato
Cronaca / Come si entra nei Servizi segreti? Ecco il bando per nuovi 007
Cronaca / In 2 anni 32.500 posti in meno negli ospedali italiani