Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Pensioni, il macabro calcolo dell’Inps sui soldi “risparmiati” per i morti Covid: “-1,1 miliardi di euro nel 2020”

Immagine di copertina
Inps Credits: ANSA

Il centro studi Itinerari previdenziali ha calcolato, con l’aumento della mortalità soprattutto nelle fasce di popolazione più anziana dovuto al Covid, quanto è diminuita la spesa per le pensioni. Un calcolo macabro, che è stato presentato oggi: secondo l’Inps sono stati “risparmiati” 1,1 miliardi di euro solo nel 2020, va ricordato però che la spesa complessiva in pensioni è di 281 miliardi di euro. Insomma una riduzione dello 0,3%. Proiettando l’effetto fino al 2029 l’effetto di riduzione della spesa sfiora i 12 miliardi di euro. “Il 96,3% dell’eccesso di mortalità registrato nel 2020 – si legge nel rapporto – ha riguardato persone con età uguale o superiore a 65 anni, per la quasi totalità pensionate. Considerando per compensazione l’erogazione delle nuove reversibilità, si quantifica in 1,11 miliardi il risparmio, tristemente prodotto nel 2020 da dal Covid a favore dell’Inps, e in circa 11,9 miliardi la minor spesa nel decennio”.

Sono oltre 476mila le pensioni Ivs (invalidità, vecchiaia e superstiti) pagate da oltre 40 anni. Il dato è contenuto nel nono Rapporto di Itinerari previdenziali sui dati Inps dai quali emergono che 423mila sono le prestazioni che riguardano il settore pubblico e 53.274 quelle riguardanti il settore privato. Tra queste oltre 217mila sono assegni di invalidità o inabilità previdenziale mentre quelle ai superstiti sono oltre 183mila nel complesso (168.403 quelle del settore privato con un’età media alla decorrenza di 38,29 anni). Le pensioni di vecchiaia vigenti da oltre 40 anni sono 53.634 nel settore privato (con un’età media alla decorrenza di 53,76 anni anni) e 21.104 nel settore pubblico. La durata delle pensioni più remote ancora oggi vigenti è in media di quasi 46 anni nel settore privato – si legge nel Rapporto – e di 44 per il pubblico “mentre prestazioni corrette sotto il profilo attuariale non dovrebbero superare i 20/25 anni”. Questo è un ” monito fortissimo alle forze politiche e sociali che, a fronte di una delle più elevate aspettative di vita, continuano a proporre forme di anticipazioni”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 27.162 casi e 62 morti: tasso di positività al 13,95%
Cronaca / Milano, barista 18enne pedinata e molestata: il padre raggiunge l’aggressore e lo picchia per strada
Cronaca / Lo sfogo di un’impiegata di Elisabetta Franchi: “Vi racconto come tratta le donne”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 27.162 casi e 62 morti: tasso di positività al 13,95%
Cronaca / Milano, barista 18enne pedinata e molestata: il padre raggiunge l’aggressore e lo picchia per strada
Cronaca / Lo sfogo di un’impiegata di Elisabetta Franchi: “Vi racconto come tratta le donne”
Cronaca / Guida contromano sulla Firenze-Pisa-Livorno, scontro nella notte: un morto e 4 feriti
Cronaca / Covid, oggi 36.042 casi e 91 morti: tasso di positività al 13.7%
Cronaca / Molestie al raduno di Rimini, il sindaco di Trieste difende gli alpini: “La violenza è un’altra cosa, siamo maschi”
Cronaca / ”Salvatemi vi prego”: turista violentata a Roma, i carabinieri sentono le urla e arrestano l’aggressore
Cronaca / Altro che malattia rara, 4 milioni di donne in Italia soffrono di vulvodinia
Cronaca / Roma, guida una Maserati sulla Scalinata di Trinità dei Monti: fermato un 37enne saudita | VIDEO
Cronaca / Violenze e separazioni: nel 96% dei casi il giudice non tiene conto delle accuse delle donne