Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

“Combatterò finché non tornerò a studiare a Bologna. La situazione peggiora”: Zaki scrive dal carcere

Immagine di copertina

Patrick Zaki, lo studente in prigione in Egitto ormai da oltre un anno, torna a scrivere dal carcere. Questa volta invia un messaggio molto lucido e allo stesso tempo potente: “Combatterò finché non tornerò a studiare a Bologna. La mia indagine è ripresa, il che potrebbe significare che un giorno andrò in tribunale e avrò un processo e questo è molto peggio di quanto mi aspettassi. Dopo un anno e mezzo, non potevo fare a meno di pensare che avrò presto la mia libertà, ma ora è chiaro che non accadrà presto”. La lettera è stata pubblicata dalla pagina social Patrick Libero e consegnata alla famiglia durante una visita nel carcere egiziano di Tora dove lo studente 30enne dell’università italiana è detenuto. Il 14 luglio la sua custodia cautelare è stata prolungata di altri 45 giorni. Zaki è stato arrestato il 7 febbraio del 2020 con l’accusa di propaganda sovversiva su Internet. Secondo Amnesty International, Zaki rischia fino a 25 anni di carcere.

“Nei nostri sogni più selvaggi – scrive ancora lo studente – non avremmo mai potuto immaginare uno scenario come questo, da quando sono partito per Bologna abbiamo fatto tanti progetti, che tu venivi a trovarmi per girare l’Italia insieme. Mi rende estremamente triste che non potrà succedere, la mia situazione sta peggiorando di giorno in giorno”.

“È uno dei messaggi più importanti in questo ormai anno e mezzo di detenzione illegale. È un messaggio che non è stato frequente in questi 18 mesi, che guarda al futuro, che di nuovo pensa a Bologna come il punto in cui la vita di Patrick si è interrotta e dal quale vuole riprenderla. E’ di grande incoraggiamento per tutti noi, è il messaggio di una persona determinata a resistere fino a quando non tornerà nel luogo scelto per studiare e per vivere”, ha commentato Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Nizza Monferrato, frontale tra due auto: morto un bambino di un anno e mezzo
Cronaca / Cagliari, ragazzo disabile non può andare in bagno a scuola senza assistente. La mamma chiama i carabinieri
Cronaca / “È solo un po’ di febbre”, ma muore poche ore dopo: la gip ordina nuove indagini sui medici del 118
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Nizza Monferrato, frontale tra due auto: morto un bambino di un anno e mezzo
Cronaca / Cagliari, ragazzo disabile non può andare in bagno a scuola senza assistente. La mamma chiama i carabinieri
Cronaca / “È solo un po’ di febbre”, ma muore poche ore dopo: la gip ordina nuove indagini sui medici del 118
Cronaca / Natale, parte da Torino il “Coca-Cola Christmas Village”
Cronaca / Ischia, sciacalli in azione nella devastazione: denunciato un 53enne per ricettazione
Cronaca / Mercatini di Natale 2022 a Milano: quali e dove sono i più belli, orari e date
Cronaca / Maltempo, nubifragio nel Messinese. Danni anche in Calabria
Cronaca / Roma, domenica ecologica: a che ora c’è il blocco del traffico: gli orari oggi, 4 dicembre 2022
Cronaca / Roma, oggi (domenica 4 dicembre) blocco totale traffico nella Fascia Verde: mappa, orari e deroghe
Cronaca / Incendi alle antenne 5G, arrestato un 26enne complottista: voleva combattere il “nuovo ordine mondiale”