Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Papa Francesco apre ai “ministeri” femminili, ma resta il no al sacerdozio delle donne

Immagine di copertina
Papa Francesco.. Credit: EPA/VINCENZO PINTO

Le donne che leggono la parola di Dio durante la messa o che svolgono un servizio all’altare, come ministranti o come dispensatrici dell’eucaristia, non sono certo una novità, ma ora Papa Francesco ha stabilito che i ministeri del Lettorato e dell’Accolitato saranno aperti alle donne in forma stabile e istituzionalizzata, con un apposito mandato.

La decisione del pontefice è arrivata con il Motu Proprio “Spiritus Domini” che modifica il primo paragrafo del canone 230 del Codice di Diritto canonico rendendo istituzionale quanto già avviene per prassi. La nuova decisione non è però un’apertura al sacerdozio o al  diaconato femminile: il Pontefice specifica di aver voluto accogliere le raccomandazioni emerse dai Sinodi dei vescovi, sottolineando che si tratta di ministeri laicali “essenzialmente distinti dal ministero ordinato che si riceve con il sacramento dell’ordine”.

Finora, il mandato vero e proprio era riservato solo agli uomini, come stabilito da San Paolo VI. Nel 1972, pur abolendo i cosiddetti “ordini minori”, Paolo VI aveva deciso di mantenere riservato l’accesso a questi ministeri alle sole persone di sesso maschile perché li considerava propedeutici a un’eventuale accesso all’ordine sacro. Ma in tante comunità di tutto il mondo lo svolgimento di questi ministeri da parte delle donne è ormai una prassi autorizzata dai vescovi.

Al Motu proprio si accompagna una lettera indirizzata al Prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, il cardinale Luis Ladaria, con la quale Francesco spiega le ragioni teologiche della sua scelta. Il Papa scrive che “nell’orizzonte di rinnovamento tracciato dal Concilio Vaticano II, si sente sempre più l’urgenza oggi di riscoprire la corresponsabilità di tutti i battezzati nella Chiesa, e in particolar modo la missione del laicato”. E citando il documento finale del Sinodo per l’Amazzonia osserva come “per tutta la Chiesa, nella varietà delle situazioni, è urgente che si promuovano e si conferiscano ministeri a uomini e donne… È la Chiesa degli uomini e delle donne battezzati che dobbiamo consolidare promuovendo la ministerialità e, soprattutto, la consapevolezza della dignità battesimale”.

Leggi anche: 1. Papa Francesco manda un messaggio a Trump: “Negli Usa va tutelata la democrazia” /2. Papa Francesco: “Vaccinarsi è etico, io lo farò: il negazionismo è suicida”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / L’accademia della Crusca boccia lo schwa: “Rende tutto un mucchietto di parole”
Cronaca / Covid, Ad Pfizer: “Probabile sia necessario un vaccino all’anno”
Cronaca / Terrorismo: arrestato a Venezia membro di una cellula dell’Isis
Ti potrebbe interessare
Cronaca / L’accademia della Crusca boccia lo schwa: “Rende tutto un mucchietto di parole”
Cronaca / Covid, Ad Pfizer: “Probabile sia necessario un vaccino all’anno”
Cronaca / Terrorismo: arrestato a Venezia membro di una cellula dell’Isis
Cronaca / Covid, positivo un passeggero proveniente dall’Africa sul volo Roma-Alghero: 130 in quarantena
Cronaca / Gualtieri, da sabato obbligo di mascherina nelle zone affollate
Cronaca / Via libera dell'Aifa al vaccino per i bambini dai 5 agli 11 anni
Cronaca / Covid, oggi 15.085 casi e 103 morti: tasso di positività al 2,6%
Cronaca / Covid: la grave forma della malattia raddoppierebbe il rischio di morte anche 12 mesi dopo la guarigione
Cronaca / Caso Greta Beccaglia, il molestatore si trasferisce in una località segreta: “Ora temo per mia figlia”
Cronaca / “Il regime di Al Sisi è responsabile per la morte di Giulio Regeni”, lo dice la Commissione Parlamentare