Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:23
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Coronavirus, muore in Basilicata a 58 anni: aveva chiesto più volte il tampone

Immagine di copertina
Palmiro Parisi

Coronavirus, febbre alta ma niente tampone: muore in Basilicata a 58 anni

Palmiro Parisi, 58 anni, è il quinto morto di Coronavirus nella regione Basilicata. Era conosciuto dai lucani per la battaglia che la sua famiglia aveva iniziato a portare avanti sui social e sui giornali locali. L’uomo, infatti, aveva più volte chiesto di essere sottoposto al tampone di Covid-19 perché presentava i sintomi comuni della pandemia.

Il 58enne di Potenza ha dovuto attendere diversi giorni prima di sottoporsi al test, nonostante i sintomi e nonostante le numerose chiamate al 118. A lanciare l’allarme è stata Maria Parisi, la figlia di Palmiro, che proprio su Facebook aveva pubblicato la storia del padre. Da lì è partita la mobilitazione che ha portato al tampone e al ricovero all’ospedale San Carlo di Potenza. Il risultato positivo al tampone da Covid-19 ha dato ragione alla figlia e al padre che aveva effettivamente contratto il Coronavirus.

Palmiro Parisi aveva la febbre e sintomi attribuibili a un contagio da Covid-19 già dal 13 marzo. La figlia racconta che il padre è stato ricoverato solo dieci giorni dopo, il 23 marzo. Maria Parisi ha raccontato che avevano più volte allertato la Guardia medica e il numero verde regionale. “Dalla voce sta bene e non serve fare il tampone perché non presenta sintomi gravi”, sarebbe stata la risposta. E ancora: “Non possiamo mandare un’ambulanza e fare un tampone a tutti quelli che ci dicono di avere la febbre”.

Leggi anche: 1. ESCLUSIVO TPI: “Tamponi, tracciamento digitale e niente lockdown: così abbiamo contenuto il Coronavirus”. Il ministero della Salute della Corea del Sud spiega il modello coreano / 2. Coronavirus, cos’è successo a febbraio in quella clinica di Piacenza? La vera storia di un boom di contagi (di S.Lucarelli)/ 3.ESCLUSIVO TPI: Una nota riservata dell’Iss rivela che il 2 marzo era stata chiesta la chiusura di Alzano Lombardo e Nembro. Cronaca di un’epidemia annunciata

4. Coronavirus, Matteo Renzi a TPI: “Non mi rimangio nulla, la pandemia rischia di diventare carestia” / 5. Mancata zona rossa nella bergamasca: storia di un contagio intercontinentale, da Alzano Lombardo a Cuba, passando per Madrid / 6. Il virus ha travolto le nostre certezze, ma la comunità può salvarci dalla tempesta: la lezione di Papa Francesco

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Treviso, uccisa a coltellate mentre prendeva il sole: l’assassino si è costituito
Cronaca / Covid, oggi 951 nuovi casi e 30 morti: il bollettino del 23 giugno
Cronaca / Ddl Zan, il testo della nota ufficiale inviata dal Vaticano all’ambasciata italiana
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Treviso, uccisa a coltellate mentre prendeva il sole: l’assassino si è costituito
Cronaca / Covid, oggi 951 nuovi casi e 30 morti: il bollettino del 23 giugno
Cronaca / Ddl Zan, il testo della nota ufficiale inviata dal Vaticano all’ambasciata italiana
Cronaca / Barbara D'Urso: "Ho paura, lo stalker è stato visto sotto casa mia"
Cronaca / Alessandra Mussolini a favore di adozioni gay e del ddl Zan: “Io e Luxuria ormai siamo amiche”
Cronaca / Consiglio di Stato annulla sentenza Tar e ordinanza sindaco: la produzione prosegue
Cronaca / I sandali, l’allarme dopo 9 ore e le tracce di sangue: cosa non torna nel ritrovamento di Nicola Tanturli
Cronaca / Perché c’è Spiderman alla messa del Papa
Cronaca / La madre di Nicola racconta la scelta di vita nei boschi: “Non volevo sfruttare né essere sfruttata”
Cronaca / “Appena ci ha visto si è messo a piangere”: le parole del giornalista che ha ritrovato Nicola