Coronavirus:
positivi 83.049
deceduti 13.915
guariti 18.278

Pescara, padre violenta le figlie minorenni per anni. La moglie sa tutto ma lo copre

Di Redazione TPI
Pubblicato il 27 Feb. 2020 alle 11:58
1.1k
Immagine di copertina

Un uomo di 47  anni e una donna di 44, sono stati condannati, rispettivamente, a 11 anni di carcere l’uno e 4 anni a e 6 mesi di carcere l’altra, per violenza sessuale aggravata ai danni delle due figlie, all’epoca dei fatti minorenni.

La sentenza emessa dal tribunale collegiale di Pescara riguarda fatti commessi tra il 2012 e il 2016, quando l’uomo, a più riprese, abusò sessualmente delle due figlie, toccandole nelle parti intime e condividendo abitualmente il letto con la figlia maggiore.

La moglie, nonostante fosse al corrente di quanto accadeva nella sua casa e fosse stata avvertita da una delle figlie, non è mai intervenuta per difendere le ragazze, rendendosi complice delle violenze del padre.

È stata la nonna materna a porre fine agli abusi, presentando denuncia, dopo avere raccolto le confidenze della nipote più grande.

Il pm Andrea Papalia, al termine della sua requisitoria, aveva chiesto condanne a 12 anni e 6 mesi per il padre e a 10 anni per la madre.

Non solo la madre, ma anche gli zii e i cugini sapevano. Tutti, però, con il proprio comportamento omertoso, diventato addirittura ostile e minaccioso quando la ragazza più grande ha iniziato a mostrare segni di insofferenza, hanno contribuito a disorientare le giovani vittime.

Per anni le ragazze hanno subito le violenze del padre non riuscendo più a capire cosa fosse normale. Dopo il un confronto con un coetaneo, diventato il fidanzato della figlia maggiore, hanno iniziato a prendere coscienza di ciò che erano state costrette a subire.

L’uomo, che in famiglia si mostrava “sistematicamente violento ed aduso a non tollerare rifiuti e frustrazioni”, imponeva le sue pratiche perverse “con condotta minacciosa”.

Ma la moglie non è mai intervenuta, assecondando le condotte del marito, “delle quali era a conoscenza”, sia in riferimento “all’anomala condivisione del letto con la figlia maggiore”, sia “per avere assistito in numerose occasioni” agli abusi del marito, sia per “essere stata esplicitamente informata” dalla figlia minorenne circa le condotte dell’uomo, “senza adottare alcuna azione a difesa della stessa” e dunque, di fatto, concorrendo alla violenza sessuale.

Leggi anche:

Reati contro i minori, Terre des Hommes: “In Italia cresce numero vittime nel 2018, in maggioranza bambine e ragazze”

Violenze sessuali sui minori, NYT: “Mai così tanti video e foto pubblicati online”. Oltre 45 milioni nel 2018

Minori, l’allarme di Save The Children: “In Italia aumentano le vittime di tratta”

Roma, l’audizione della pm è agghiacciante: “Bambini si prostituiscono tra i 10 e i 13 anni”

1.1k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.