Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 16:32
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

“Antonella mi ha chiesto una cintura, mi fidavo di lei, era una bambina ubbidiente”: parla il padre della ragazzina morta per una sfida su Tik Tok

Immagine di copertina

Parla il padre della bambina morta per una sfida su Tik Tok

“Voleva essere la regina, la star di Tik Tok e c’è riuscita”: sono le parole di Angelo Sicomero, il padre della bambina di 10 anni morta a Palermo per una sfida social.

Gli organi della piccola sono stati donati per volere dei genitori. “Il dono più bello che potevamo fare – dichiara il papà – Perché mia figlia era allegra, generosa, e avrebbe fatto cosi. Tre bambini vivranno grazie a lei e rivivrà in loro”.

Antonella era una bambina molto social, così come conferma il papà, soprattutto da quando i genitori le avevano regalato, in occasione del suo decimo compleanno, un cellulare tutto suo.

“Rubava sempre il cellulare a sua madre e scaricava TikTok. Allora ci siamo arresi. Ballava e cantava, scaricava tutorial per truccarsi o per acconciare i capelli. Avrebbe voluto fare l’estetista da grande. Pubblicava questi video su TikTok ed era anche una bambina molto ubbidiente. Tanto che non ho mai avuto l’esigenza di controllarla e infatti non le ho mai sequestrato il cellulare per vedere cosa facesse. Perché tra noi non c’erano segreti. È la regola della famiglia: ci si dice tutto e ci si aiuta tutti” racconta Angelo, le cui parole sono riportate da La Repubblica.

Eppure qualcosa è accaduto. Saranno le indagini a dover chiarire come mai la piccola Antonella abbia accettato di prendere parte alla “Blackout challenge”, la folle sfida che invita i partecipanti a stringersi una corda intorno al collo sfidando la morte.

“Ho il timore che qualcuno l’abbia contattata in privato e convinta a fare quella sfida. Ma penso anche che forse in quei cinque minuti mia figlia non è stata più lei” rivela il padre della piccola.

Angelo, poi, ripercorre i momenti che hanno preceduto la tragica morte della bambina. “Per adesso non mandiamo le bambine a scuola per paura del Coronavirus. Antonella era stata al cellulare in chat con le sue amiche, poi aveva fatto i compiti e avevamo cenato”.

Poco prima, però, la bambina aveva chiesto al padre di prestarle una cintura. “Era in bagno a fare la doccia” racconta Angelo senza riuscire a descrivere ciò che è accaduto subito dopo, ovvero quando la sorellina ha trovato il corpo agonizzante di Angela.

Leggi anche: Bambina muore soffocata a Palermo: il Garante della privacy blocca i dati utenti su TikTok

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Papa Francesco: “Alcuni mi volevano morto, preparavano il conclave”
Cronaca / “Il Green pass rende liberi”, preside di Ferrara rievoca Auschwitz: sospeso dal servizio
Cronaca / Feltri difende Barbara Palombelli: “Sui femminicidi ha ragione”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Papa Francesco: “Alcuni mi volevano morto, preparavano il conclave”
Cronaca / “Il Green pass rende liberi”, preside di Ferrara rievoca Auschwitz: sospeso dal servizio
Cronaca / Feltri difende Barbara Palombelli: “Sui femminicidi ha ragione”
Cronaca / Bambino di 4 anni caduto dal balcone a Napoli, il domestico: “L’ho lasciato cadere”
Cronaca / 2.407 nuovi casi e 44 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2%
Cronaca / Frosinone, detenuto spara ad altri tre reclusi: “La pistola arrivata in carcere con un drone”
Cronaca / Vaccini, iniziata la somministrazione della terza dose per soggetti fragili e a rischio
Cronaca / L’Earth Technology Expo a Firenze dal 13 al 16 ottobre
Cronaca / Gkn, accolto il ricorso Fiom: il giudice blocca i licenziamenti per 422 dipendenti
Cronaca / Droga: spaccio a Catania, coinvolti anche bambini di 10 anni