Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Orrore in Puglia: tredicenne trasformata in sposa bambina dal patrigno

Immagine di copertina

Orrore in Puglia: tredicenne trasformata in sposa bambina dal patrigno

Una storia dell’orrore, finita grazie al coraggio di due vittime di violenza domestica, madre e figlia, e all’aiuto dei servizi sociali. È quanto emerge dall’ordinanza di custodia cautelare con cui il tribunale di Lecce ha ordinato l’arresto di un 43enne a cui sono stati contestati i reati di maltrattamenti in famiglia, violenza privata e atti sessuali con minorenne. L’uomo, originario di San Pietro Vernotico ma residente nel leccese, è accusato di aver abusato della figlia 13enne della compagna e di aver maltrattato quest’ultima. A entrambe l’uomo aveva vietato di comunicare, tra di loro e con il mondo esterno. In un’occasione l’uomo, già detenuto in Germania per aver ucciso la moglie, aveva picchiato la ragazzina dopo averla sorpresa a parlare con la madre, arrivando a minacciarla con una spada. L’accusato trattava la 13enne come fosse la moglie, obbligandola ad accompagnarlo nelle uscite e a sbrigare le faccende di casa. “La piccola era divenuta la sua compagna, dovendolo accompagnare ogni volta che usciva, portandola per le campagne anche di sera, tanto che mancavano da casa per tutta la giornata”, riporta l’ordinanza della giudice Alessandra Sermarini, “del pari, quando rincasavano l’uomo era accorto che la bambina non comunicasse con la madre, alla quale era impedito ogni contatto, pena la violenza nei confronti di entrambe; spesso la piccola diceva alla madre: Ti prego mamma, stai zitta se no mi uccide, non parlare perché mi uccide…se la prende con me”.

L’uomo è anche accusato di aver impedito alla ragazza di andare a scuola, facendole perdere un anno. Sono stati i servizi sociali, tramite l’insegnante di sostegno assegnata alla ragazza, a spingere la madre a denunciare gli abusi.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Identificato allo Spallanzani di Roma il primo caso in Italia di vaiolo delle scimmie
Cronaca / I buchi nelle indagini sulla strage di Capaci: quelle tracce mai seguite
Cronaca / Rimorchiatore affonda al largo di Bari: almeno un morto e diversi dispersi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Identificato allo Spallanzani di Roma il primo caso in Italia di vaiolo delle scimmie
Cronaca / I buchi nelle indagini sulla strage di Capaci: quelle tracce mai seguite
Cronaca / Rimorchiatore affonda al largo di Bari: almeno un morto e diversi dispersi
Cronaca / Il pm Tescaroli a TPI: “Sulla strage di Capaci presunti interessi esterni a Cosa nostra”
Cronaca / Falcone e quelle indagini naufragate su Mattarella e Gladio
Cronaca / ESCLUSIVO: Falcone spiato da apparati dello Stato durante l’interrogatorio (finora ignoto) a Licio Gelli
Cronaca / Tragedia asilo l’Aquila, il giallo del freno a mano: cosa sappiamo
Cronaca / In Italia la povertà assoluta colpisce oltre il 14% della popolazione sotto i 17 anni: i dati a “Impossibile 2022”
Cronaca / L'Aquila, auto finisce nel giardino di un asilo: morto un bambino
Cronaca / Fedez invita Liliana Segre al suo podcast: “Sarei felice di ospitarla a Muschio Selvaggio”