Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Calabria, fu ucciso davanti al figlio di 6 anni. Arrestato il presunto omicida di Carmelo Polito

Immagine di copertina

L'uomo è stato incastrato dalle telecamere di sorveglianza

Arrestato un uomo per l’omicidio di Carmelo Polito. Presunto omicida incastrato dalle telecamere

A Vibo Valentia un uomo è stato arrestato per l’omicidio di Carmelo Polito, l’uomo ucciso alle spalle per strada mentre teneva per mano il figlio di 6 anni. L’uomo è stato incastrato dal video di sorveglianza di una officina meccanica che si trovava nelle vicinanze e che ha registrato l’intera scena.

L’omicidio è avvenuto nel 2011, quando Polito è stato raggiunto da due killer mentre si trovava con il figlio. I due sicari raggiungono Carmelo Polito di corsa, alle spalle. Giunti a pochi metri di distanza da lui, uno dei due estrae la pistola e gli spara. L’uomo cade a terra, e a quel punto gli dà il colpo finale, sparando un altro proiettile.

In tutto questo, il figlio di Polito è presente, tiene ancora il papà per mano e non può non assistere alla scena che avviene a pochi centimetri di distanza da lui.

Come riporta Il Giornale, secondo l’accusa a sparare sarebbe stato il trentaduenne Francesco Pannace, già in carcere per un altro omicidio. Il presunto omicida sarebbe stato l’audio ambientale captata dalle forze dell’ordine nell’auto intestata a un esponente della ‘ndrangheta di San Gregorio.

Sempre stando a quanto riporta il quotidiano di Alessandro Sallusti, “Polito era considerato una persona aggressiva e potente”. Apparentemente, l’uomo sarebbe stato ucciso perché “andava in giro a chiedere soldi o a prendersi le cose senza pagare il prezzo” e perché nel 2009 avrebbe dato uno schiaffo allo zio del presunto killer.

Per questo, il gip del Tribunale di Catanzaro Carmela Tedesco non esclude che possa esserci la vendetta per il torto subito dietro all’omicidio.

Omicidio Willy Branchi – I segreti inconfessabili di un paese: lo speciale de Le Iene stasera su Italia 1

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sicurezza COVID-19 nelle scuole: un diritto per gli studenti, un dovere per le autorità sanitarie
Cronaca / Padre denuncia il figlio 16enne che aveva picchiato un compagno di scuola: “Dove abbiamo sbagliato?”
Cronaca / Covid, 2.697 casi e 70 morti nell'ultimo giorno, positività allo 0,4%. Nuovo record di tamponi: oltre 600mila
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sicurezza COVID-19 nelle scuole: un diritto per gli studenti, un dovere per le autorità sanitarie
Cronaca / Padre denuncia il figlio 16enne che aveva picchiato un compagno di scuola: “Dove abbiamo sbagliato?”
Cronaca / Covid, 2.697 casi e 70 morti nell'ultimo giorno, positività allo 0,4%. Nuovo record di tamponi: oltre 600mila
Cronaca / Stangata su benzina e gasolio, i prezzi per un pieno volano e sono destinati ad aumentare ancora
Cronaca / Blitz contro le organizzazioni neonaziste in tutta Italia: 26 indagati
Cronaca / Covid, oggi 1.597 casi e 44 morti: tasso di positività allo 0,7%
Cronaca / Inchiesta mascherine, l'ex commissario all'emergenza Covid Arcuri indagato per abuso d’ufficio e peculato
Cronaca / Come può cambiare il virus nei prossimi mesi: ecco tutte le variabili
Cronaca / Sgomberati dalla Regione Lazio, i no green pass Barillari e Cunial chiedono asilo politico alla Svezia
Cronaca / Trieste: la polizia sgombera il varco 4 del porto, occupato dai manifestanti no green pass