Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:17
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Genitori di Matteo Renzi di nuovo nel mirino della procura per bancarotta

Immagine di copertina

Nuova accusa di bancarotta per i genitori di Matteo Renzi | Tiziano Renzi e Laura Bovoli sarebbero indagati dalla Procura di Firenze con una nuova accusa di bancarotta relativa al fallimento della cooperativa Marmodiv, della quale, secondo l’accusa della procura, i genitori di Matteo Renzi sarebbero stati amministratori.

L’indiscrezione è riportata dal quotidiano La Verità, secondo cui nel registro degli indagati sarebbe finita anche una terza persona, l’imprenditore Mariano Massone.

I tre sono già coinvolti nell’inchiesta per bancarotta fraudolenta e false fatture relative alle cooperative Delivery service Italia ed Europe Service.

In serata, però, Federico Bagattini, legale di Tiziano Renzi, ha dichiarato che né a lui né al suo assistito risulta alcuna indagine. L’avvocato ha poi aggiunto: “Presenteremo denuncia per rivelazione di segreto di ufficio poiché si tratta di notizia evidentemente, se vera, destinata a rimanere riservata tanto che il dottor Tiziano Renzi e il difensore non hanno appreso nulla in tal senso”.

La nuova accusa di bancarotta, inerente al fallimento della cooperativa di servizi Marmodiv, dichiarata fallita dal tribunale il 20 marzo scorso, si aggiunge alle altre, che hanno portato per un periodo anche agli arresti domiciliari dei coniugi Renzi, poi revocati.

La notizia dell’arresto, avvenuta lunedì 18 febbraio, all’epoca aveva provocato diverse polemiche politiche, a partire dal figlio dei due, il senatore Matteo Renzi, che con un lungo post su Facebook aveva commentato la vicenda con le seguenti parole: “Arriveranno le sentenze e vedremo se questi due cittadini settantenni, incensurati, sono davvero i pericolosi criminali che meritano questo provvedimento”,

L’ex presidente del Consiglio aveva poi continuato: “Se io non avessi fatto politica, la mia famiglia non sarebbe stata sommersa dal fango. Se io non avessi cercato di cambiare questo paese i miei oggi sarebbero tranquillamente in pensione”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Oms, Tedros: “Condizioni globali perfette per l’emergere di nuove varianti”
Cronaca / Covid, Figliuolo: “Raggiunto il picco, ora si va in discesa”
Cronaca / Morte Lorenzo Parelli, direttore dell’ispettorato Lavoro a TPI: “L’alternanza scuola-lavoro non può essere un’attività lavorativa dissimulata”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Oms, Tedros: “Condizioni globali perfette per l’emergere di nuove varianti”
Cronaca / Covid, Figliuolo: “Raggiunto il picco, ora si va in discesa”
Cronaca / Morte Lorenzo Parelli, direttore dell’ispettorato Lavoro a TPI: “L’alternanza scuola-lavoro non può essere un’attività lavorativa dissimulata”
Cronaca / Max Mara, Victoria’s Secret e il nail bar: le spese pazze che hanno portato alla condanna di Renata Polverini
Cronaca / Covid: “Triplicati i ricoveri nei bambini tra i 5 e gli 11 anni”
Cronaca / Costo della vita in Italia, ecco la città più cara e quella più economica: l’indagine
Cronaca / Roma, studenti denunciano manganellate dalla polizia durante la manifestazione contro l’alternanza scuola-lavoro
Cronaca / Covid, da oggi quattro nuove regioni in zona arancione. Puglia e Sardegna in giallo. Cosa cambia
Cronaca / Firenze, 20enne muore dopo essere caduto dal tetto della sua ex scuola
Cronaca / Quirinale, Letta: “Martedì o mercoledì si arriverà a un nome condiviso da tutti”