Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:31
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Non vuole giocare a palla con la figlia, la mamma picchia l’amichetta al parco

Immagine di copertina

Una donna di 40 anni avrebbe picchiato una bimba nel parco giochi di Grosseto. La piccola non aveva voluto giocare con la figlia della donna, facendola scoppiare in lacrime. Da quanto ricostruito, la bambina si sarebbe avvicinata ad altre due coetanee che stavano giocando a pallavolo. Le due, che normalmente trascorrono i pomeriggi con la bimba, non le hanno però permesso di unirsi alla partita.

A quel punto la piccola è corsa in lacrime dalla madre. La donna poi ha abbandonato la panchina per chiedere alle ragazzine per quale motivo la figlia non potesse partecipare. Dopo una breve discussione, la quarantenne avrebbe preso per i capelli una delle minori, scaraventandola a terra. Un violento alterco nel quale sarebbe intervenuto anche il figlio maggiore della donna, iniziando a tirare calci all’addome della bambina poco più grande di sua sorella. Mamma e figlio hanno picchiato la minore fino a quando non sono intervenuti i genitori. Ad aiutare i familiari della ragazzina aggredita, altre tre donne che hanno assistito a tutta la scena.

I testimoni hanno prontamente chiesto l’intervento delle forze dell’ordine. La mamma della bimba picchiata ha denunciato quanto accaduto. “Mia figlia – ha raccontato – ha paura di incontrare quella donna in ogni angolo. Non vuole più uscire di casa”. Le tre bambine sono solite ritrovarsi al parco per giocare insieme. L’aggressione della 40enne sarebbe stata “provocata” esclusivamente dal rifiuto della bambina. Le due famiglie vivono a pochi isolati di distanza ed erano solite incontrarsi quotidianamente nello stesso quartiere. I bambini frequentano inoltre lo stesso istituto scolastico, seppur in classi diverse.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Torino, stop al fumo all’aperto: sigarette vietate a meno di 5 metri dalle altre persone
Cronaca / Ponte sullo Stretto: i dubbi del ministero dell’Ambiente, chieste integrazioni
Cronaca / Rissa sul volo Napoli-Ibiza, due donne si strappano i capelli e urlano | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Torino, stop al fumo all’aperto: sigarette vietate a meno di 5 metri dalle altre persone
Cronaca / Ponte sullo Stretto: i dubbi del ministero dell’Ambiente, chieste integrazioni
Cronaca / Rissa sul volo Napoli-Ibiza, due donne si strappano i capelli e urlano | VIDEO
Cronaca / Mattia Giani morto dopo il malore in campo, il papà: “Non c’erano medici, ambulanza in ritardo e nessuno usava il defibrillatore”
Cronaca / Prefetto di Roma: “Grandissima attenzione su eventi sportivi”
Cronaca / Napoli, sgominato nuovo clan: pizzo anche al Castello delle Cerimonie
Cronaca / Giubileo 2025, la sfida dell’accoglienza e il futuro globale di Roma
Roma / Roma, autobus in fiamme a Tor Sapienza: tre intossicati
Cronaca / Fedez contro Gramellini: “Di essere l’idolo della sinistra non mi frega un ca…”
Cronaca / Giovani, precari e depressi: l’impatto delle disuguaglianze sulla salute mentale delle nuove generazioni