Covid ultime 24h
casi +24.991
deceduti +205
tamponi +198.952
terapie intensive +125

Napoli: bambina di 10 anni violentata da sei coetanei. Gli abusi sono stati ripresi con i cellulari

Le violenze sarebbero avvenute ad agosto e novembre in uno scantinato del quartiere di Boscoreale

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 20 Feb. 2020 alle 08:15
554

Shock a Napoli: bambina di 10 anni violentata da sei coetanei

Orrore a Napoli dove una bambina di 10 anni è stata ripetutamente violentata dai sei coetanei tra gli 11 e i 13 anni.

Il fatto risale ad agosto, ma si sarebbe ripetuto anche a novembre.

Secondo quanto ricostruito dal pm, che ha ascoltato i sei ragazzini negli uffici del commissariato di Castellammare di Stabia, le violenze sarebbero avvenute in uno scantinato del quartiere di Boscoreale, a Napoli.

Gli aguzzini avrebbero anche registrato le violenze ai danni della bambina sui loro telefonini.

Davanti al pm, che ha ascoltato anche la bambina, la quale avrebbe confermato tutto davanti a un’ispettrice e una psicologa, i ragazzini sarebbero scoppiati in lacrime.

La vicenda, che è stata raccontata dal quotidiano Metropolis, ha lasciato sgomenti tutti coloro che conoscevano sia la vittima che i giovani violentatori. Il timore di molti, tuttavia, è che i responsabili non siano puniti in maniera esemplare così come già accaduto in passato.

In particolare, la memoria torna a due casi simili avvenuti sempre in Campania. Il primo, accaduto a Castellammare nel 2018, vide protagonista una 15enne, la quale fu violentata da tre coetanei, tra cui un figlio di un boss, i quali furono puniti con un breve periodo di affidamento ai servizi sociali.

Nel 2017, invece, a Pimonte, 12 minorenni, responsabili di violenza sessuale su una coetanea, tornarono tutti a casa anche loro dopo un breve periodo di affidamento ai servizi sociali, mentre la giovane vittima fu costretta a lasciare il paese.

Leggi anche:

Roma, l’audizione della pm è agghiacciante: “Bambini si prostituiscono tra i 10 e i 13 anni”

Bimba di 11 anni scrive alla compagna che la bullizza: “Per te provo affetto, non spegnerai la mia voglia di vivere”

554
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.