Morto Paolo Finzi, il giornalista anarchico amico di De André

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 21 Lug. 2020 alle 18:49 Aggiornato il 21 Lug. 2020 alle 18:53
37
Immagine di copertina

Paolo Finzi, giornalista, tra i fondatori e direttore di ‘A-Rivista Anarchica’, è morto all’età di 69 anni. Finzi era amico di Fabrizio De Andrè e curatore di numerose iniziative dedicate al cantautore dopo la sua morte. A dare la notizia sono stati i colleghi della rivista che sui social hanno scritto: “Ieri, lunedì 20 luglio, se n’è andato Paolo Finzi, tra i fondatori di ‘A-Rivista Anarchica’, redattore e direttore responsabile. Se ne va un pezzo della nostra storia e dei nostri cuori”.

Finzi è morto lunedì pomeriggio, travolto da un treno a qualche chilometro dalla stazione di Forlì, dov’era andato per l’ennesima iniziativa culturale. Il macchinista ha raccontato alla Polfer di aver visto un uomo gettarsi volontariamente dalla massicciata sui binari, senza riuscire a frenare. Non ha lasciato messaggi.

La sera del 12 dicembre 1969, quando fu perpetrata la strage di piazza Fontana, fu il più giovane tra gli anarchici fermati dalla polizia insieme a Pinelli, che poi morirà precipitando da una finestra della Questura di Milano. Negli anni Ottanta, dopo l’assoluzione di Mario Valpreda dall’accusa di essere l’autore della strage di Piazza Fontana, lo accompagnò in una lunga serie di conferenze in tutta Italia. È l’autore di alcuni libri e dossier dedicati a personaggi anarchici.

37
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.