Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Modena, la babysitter: “Ho buttato io il bambino dalla finestra, ero in catalessi”

Immagine di copertina

Monica Santi, la babysitter di 32 anni del bambino di 13 mesi caduto fuori dalla finestra ieri a Modena, ha confessato di essere stata lei ad averlo gettato di sotto. Lo ha fatto durante l’udienza di convalida dell’arresto. I sospetti degli inquirenti, corroborati dal racconto della colf che era in casa in quel momento, hanno quindi trovato riscontro nelle sue parole: “Ero in catalessi, ma non è stato un gesto deliberato. Ho avuto un malore. Vengo da un periodo difficilissimo”, ha detto al giudice. Secondo quanto si apprende, su di lei sarà disposta una perizia psichiatrica.

Fuori dal carcere di Sant’Anna di Modena, ha parlato anche la sua avvocata Francesca Neri: “È stata lei che ha lanciato il bambino dalla finestra. Ha spiegato che non si è trattato di un gesto premeditato ma frutto di un malore. Si trovava in uno stato di catalessi dove si sentiva soffocata e ha compiuto questo gesto del quale non riesce a dare alcuna spiegazione”. La donna era stata fermata nelle ore successive con l’accusa di tentato omicidio al termine di un interrogatorio, durante il quale in stato confusionale non aveva saputo fornire spiegazioni a quanto accaduto.

La legale ha poi aggiunto: “Dopo dice che si trovava in una realtà parallela e non capiva cosa gli stesse succedendo. L’unica cosa che è stata in grado di fare è stato di scendere dal piano superiore e andare dalla donna delle pulizie che era al piano inferiore e riferire la frase: ‘Adesso il bambino è libero’“. Una frase poi riferita anche dai vicini di casa, intervenuti per i primissimi soccorsi. Il bambino, ricoverato all’ospedale Maggiore di Bologna, versa ancora in gravi condizioni. Soccorso attorno alle 10 del mattino, era subito stato trasferito nella struttura bolognese e le sue condizioni sono state stabilizzate. La prognosi del piccolo è ancora riservata.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Somalia, ucciso da una bomba Omar Hassan: era stato condannato e poi assolto per l’uccisione di Ilaria Alpi
Cronaca / Marmolada, trovati altri corpi: le vittime accertate salgono a 9
Cronaca / Covid, Bassetti: “Attenzione alla variante indiana. Forse più contagiosa”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Somalia, ucciso da una bomba Omar Hassan: era stato condannato e poi assolto per l’uccisione di Ilaria Alpi
Cronaca / Marmolada, trovati altri corpi: le vittime accertate salgono a 9
Cronaca / Covid, Bassetti: “Attenzione alla variante indiana. Forse più contagiosa”
Cronaca / Lo chef stellato Andrea Aprea: “Ho assunto trenta persone. Se paghi il giusto le trovi”
Cronaca / Fratelli Bianchi, la madre: “Sentenza ingiusta. Condannati a furor di popolo”
Cronaca / Il Papa nominerà due donne al dicastero dei Vescovi: è la prima volta nella storia
Cronaca / Molestie adunata alpini, pm chiede l’archiviazione: “Difficile identificare i colpevoli”
Cronaca / Consumi, le famiglie non hanno mai speso così tanto per energia, gas e carburanti
Cronaca / Napoli, bufera sulla pizzeria “Dal Presidente” per una storia omofoba su Instagram
Cronaca / Alessandra, sopravvissuta sulla Marmolada, e il post d’addio al compagno: “Ti amo Tommaso”