Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Milano, la protesta dei lavoratori dei Musei Civici: “Pagati quattro euro all’ora da quattro anni, basta”

Immagine di copertina

La protesta

Montano le proteste dei lavoratori. Questa volta la denuncia arriva dagli addetti all’accoglienza dei Musei e delle biblioteche del comune di Milano, attraverso la voce di Roberta Griffini di Filcams Cgil, la Federazione Italiana Lavoratori Commercio, Alberghi, Mense e Servizi.

Quattro euro all’ora, da quattro anni, con un contratto nazionale che non è quello del settore: “Applicato perché costava meno, a differenza di quello specifico per l’ambito culturale, che consentirebbe quasi il doppio della retribuzione”.

Come riporta il Fatto, questa è la condizione di circa 200 lavoratori che prestano servizio per società in appalto: “Nel 2018 avevano a disposizione pochi fondi per i finanziare i bandi. Nel frattempo, però, è stato firmato il Protocollo per la qualità e la tutela del lavoro negli appalti dal Comune e da Cgil, Cisl e Uil, che prevede garanzie. E queste chiediamo”. Come si legge in una nota Filcams diffusa nei giorni scorsi, “un lavoratore full time ha uno stipendio netto di soli 750 euro al mese circa, nonostante lavori all’interno dei luoghi della cultura di Milano con la conseguente professionalità necessaria per poter svolgere determinate attività”. C’è poi un altro problema, sottolineato da Griffini: “La metà del personale ha un contratto a chiamata o a tempo determinato. Fra le nostre richieste c’è, perciò, anche la regolarizzazione di queste posizioni, con relativa assunzione”. Continua la nota: “Quello che i lavoratori e le lavoratrici ritengono fondamentale è che all’interno del bando ci sia la garanzia che, a seguito di un cambio d’appalto, nessuno venga lasciato a casa a prescindere dalla tipologia di contratto individuale e che venga applicato l’effettivo Ccnl di settore”.

“L’unica certezza è la proroga di 6 mesi dell’appalto che, tradotto, per gli addetti significa altri 6 mesi di stipendi da fame e preoccupazioni sul proprio futuro”, spiegava sempre in una nota Filcams. Ecco perché il sindacato aveva “proclamato anche un pacchetto di 8 ore di sciopero” ed era stato deciso “di chiedere un incontro alle Istituzioni Comunali e l’audizione alle commissioni consiliari Lavoro e Cultura per esporre le ragioni della protesta e per chiedere una soluzione veloce e concreta”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Chi è Andrea Piscina, lo speaker di Rtl 102.5 arrestato per aver adescato bambini online
Cronaca / Ragusa, dà fuoco alla casa mentre la famiglia dorme: muoiono la madre e una sorella
Cronaca / Adescava bambini online fingendosi "Alessia": arrestato speaker di Rtl 102.5
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Chi è Andrea Piscina, lo speaker di Rtl 102.5 arrestato per aver adescato bambini online
Cronaca / Ragusa, dà fuoco alla casa mentre la famiglia dorme: muoiono la madre e una sorella
Cronaca / Adescava bambini online fingendosi "Alessia": arrestato speaker di Rtl 102.5
Cronaca / Lettera al sindaco di Trieste: “Sgomberare il Silos dei migranti non è la soluzione”
Cronaca / Reggio Emilia, violentava in casa la figlia della compagna: 39enne ai domiciliari
Cronaca / È uscito il nuovo numero di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Zerocalcare apre un’osteria a Roma: ecco dove sarà e quanto si pagherà
Cronaca / La madre di Saman Abbas ha accettato l’estradizione in Italia dal Pakistan
Cronaca / Aiop Giovani, Gaia Garofalo eletta Presidente Nazionale
Cronaca / Modena, va dai carabinieri col cadavere della moglie nel furgone