SPECIALE ELEZIONI REGIONALI E REFERENDUM DIRETTA VIDEO

SPECIALE ELEZIONI REGIONALI E REFERENDUM DIRETTA VIDEO. Gli exit poll, i risultati in tempo reale, i primi commenti, i collegamenti con i nostri inviati e le analisi sui possibili riequilibri di potere. Segui su Facebook e intervieni anche tu nel dibattito in studio. Conduce Giulio Gambino.

Posted by TPI on Monday, 21 September 2020

Migranti, altro naufragio al largo della Libia. Alarm Phone: “Ci sono molti morti”

Un barcone con oltre 100 migranti a bordo si è rovesciato vicino alle coste libiche

Di Luca Serafini
Pubblicato il 27 Ago. 2019 alle 14:23 Aggiornato il 11 Set. 2019 alle 02:21
0
Immagine di copertina
Immagine di repertorio

Ci sarebbero “molti morti” in un nuovo naufragio di migranti al largo delle coste libiche. Lo riferisce il servizio telefonico Alarm Phone, a cui nella notte tra lunedì 26 e martedì 27 agosto era giunta una richiesta di soccorso da parte di un barcone in difficoltà.

La Guardia Costiera libica ha recuperato cinque corpi, tra cui una donna e un bambino, dopo il naufragio di un barcone al largo della città portuale di al Khums (Homs), 97km a sudest di Tripoli. Lo riferisce la Marina sulla sua pagina Facebook.

La Marina riferisce che 65 migranti sono stati salvati mentre proseguono le ricerche per eventuali sopravvissuti o cadaveri, fa sapere ancora la Guardia Costiera.

Sul barcone viaggiavano un centinaio di migranti. Alarm Phone si è subito messa in contatto con le autorità libiche, che a quanto si apprende avrebbero recuperato circa 90 persone.

“Non è ancora chiaro – ha spiegato in un tweet Alarm Phone – quanti sono sono morti e quanti sopravvissuti. Questi sono i tuoi morti Europa. La tua politica di deterrenza uccide”

“Abbiamo tentato di ottenere la posizione GPS – aveva riferito il servizio telefonico – ma i naufraghi erano nel panico e non sono riusciti a comunicarla. La barca era molto vicina alla Libia, e non abbiamo potuto fare altro che informare le autorità in Libia e in Italia”.

In un primo momento, Alarm Phone si era detta molto preoccupata: “Pensiamo che nessuno sia uscito a cercarli. Non siamo più stati in grado di parlare con quella gente. Alle 6 del mattino un parente ci ha chiamato, dicendo che temeva per le persone a bordo. Aveva paura che fossero morti. Non sappiamo cosa sia successo a questo gruppo di migranti: speriamo ancora che siano tutti vibi, ma temiamo il peggio”.

Successivamente pare sia stato accertato l’intervento delle autorità libiche, che però non sarebbero riuscite a salvare tutti i migranti a bordo del barcone.

Nelle prossime ore si cercherà di fare maggiore chiarezza sull’accaduto e di capire quante sono le persone decedute e quanti i sopravvissuti, in quella che è l’ennesima tragedia dei migranti nel Mediterraneo.

Malta ha salvato 162 migranti nel Mediterraneo

Migranti, stop agli aerei delle Ong: non possono più sorvolare il Mediterraneo

Erdogan rimanda i profughi in Siria e se ne frega degli accordi: signori, ecco a voi l’orrore del sovranismo (di G. Cavalli)

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.