Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Migranti, stop agli aerei delle Ong: non possono più sorvolare il Mediterraneo

Immagine di copertina
Un aereo di avvistamento migranti Credit: Ansa Foto

Aeroporti italiani interdetti ai due aerei leggeri che vengono usati per segnalare imbarcazioni in difficoltà. La decisione dell'Enac

Stop agli aerei delle Ong

Sempre più difficile segnalare barconi e gommoni in difficoltà nel Canale di Sicilia per salvare i migranti che si trovano a bordo. L’ultimo stop arriva “dal cielo”: è stato deciso, infatti, che gli aeroporti italiani restano chiusi per i due aerei leggeri delle Ong, Moonbird e Colibrì, che sorvolano il Mediterraneo per individuare i gommoni e segnalarne tempestivamente la posizione ai soccorritori. Non possono più decollare né da Lampedusa né da altri scali del nostro Paese.

“Le norme nazionali impongono che quei velivoli possano essere usati solo per attività ricreative e non professionali”, sostiene infatti l’Enac, l’Ente nazionale per l’aviazione civile, parlando con La Repubblica.

“Chiunque abbia partecipato a missioni di Search and Rescue sulle navi delle ong – scrivono i giornalisti Marco Mensurati (a bordo della mare Jonio) e Fabio Tonacci – sa  quanto sia importante avere due occhi che scrutano dall’alto. È il modo più efficace, talvolta l’unico”.

Lo stop dell’Enac

“Colibrì – sostengono i tecnici dell’Enac parlando degli aerei delle Ong – non è un aeromobile certificato secondo standard di sicurezza noti. Inoltre, è in possesso di un permesso di volo speciale che non gode di un riconoscimento per condurre operazioni su alto mare. Quelle di Search and Rescue sono operazioni professionali che richiedono un regime autorizzativo, non compatibile con gli aeromobili di costruzione amatoriale”. Moonbird presenta caratteristiche simili a quelle di Colibrì.

Ma la Sea Watch respinge i rilievi dell’Enac. Dopo essersi rivolta a uno studio legale per un parere, la Ong contrattacca: “Ci viene da pensare che dietro a queste complicazioni burocratiche – dice Giorgia Linardi, responsabile di Sea-Watch Italia – ci sia la volontà politica di fermare le attività di ricognizione. Evidentemente dà fastidio che gli occhi della società civile siano tanto in mare quanto in aria”.

Qui tutte le notizie di TPI sull’emergenza migranti
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Lo studio: “Se tutti gli italiani si fossero vaccinati ci sarebbero stati 1.200 morti in meno”
Cronaca / Sassari, iniettata aria al posto dei vaccini: paura per 20 pazienti
Cronaca / Stretto di Messina, i no pass restano ancora bloccati (e spuntano gli scafisti)
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Lo studio: “Se tutti gli italiani si fossero vaccinati ci sarebbero stati 1.200 morti in meno”
Cronaca / Sassari, iniettata aria al posto dei vaccini: paura per 20 pazienti
Cronaca / Stretto di Messina, i no pass restano ancora bloccati (e spuntano gli scafisti)
Cronaca / Studentessa Usa denuncia stupro a Roma: “Bloccata per ore in un letto”
Cronaca / Beppe Grillo indagato a Milano per traffico di influenze illecite: nel mirino i contratti pubblicitari con la Moby
Cronaca / Francesca Amadori licenziata per le assenze ingiustificate: “Non lavorava da inizio dicembre”
Cronaca / Green pass, dalle tabaccherie alle librerie: dove è obbligatorio e dove no
Cronaca / Covid, oggi 83.403 casi e 287 morti: tasso di positività al 15,4%
Cronaca / Cani Violenti, un podcast di Piano P che racconta risse, pestaggi, incontri clandestini e lo spazio della ferocia nella provincia italiana
Roma / Transfer Service Rome: soluzione Top Class per spostamenti nella Capitale