Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:01
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Malta ha salvato 162 migranti nel Mediterraneo

Immagine di copertina
Credit: Anne CHAON / AFP

Malta salva 162 migranti nel Mediterrano

Oggi, lunedì 26 agosto 2019, più di 160 migranti sono stati tratti in salvo dalle forze armate di Malta in due operazioni differenti. I migranti sono stati salvati dopo essere stati trovati in mare, a bordo di due gommoni che navigavano nella zona di ricerca e salvataggio di Malta.

Entrambi i gruppi sono stati individuati durante il monitoraggio di routine e trasferiti alle motovedette della AFM per essere portati a Malta. Un gruppo di 73 è arrivato sull’isola verso le 16.30, mentre un altro gruppo, tra cui 88 uomini e una donna, sarebbe arrivato dopo le 19.

Il salvataggio di oggi arriva dopo che quasi 360 migranti che si trovavano a bordo della nave di soccorso Ocean Viking sono stati portati a Malta venerdì scorso, 23 agosto, nell’ambito di un accordo mediato dall’Unione europea. Giunti a Malta, i migranti saranno trasferiti in sei diversi paesi dell’Ue.

L’Ocean Viking, dopo aver salvato i suoi passeggeri in una serie di missioni di salvataggio, aveva trascorso quasi due settimane bloccata tra Malta e Lampedusa perché gli era stato negato l’ingresso all’isola italiana.

Tutti i migranti che si trovavano a bordo della Ocean Viking saranno trasferiti in Francia, Germania, Irlanda, Lussemburgo, Portogallo e Romania.

I soccorsi rischiano di mettere ulteriormente a dura prova quella che sta diventando una situazione sempre più difficile per i migranti.

Come si legge su Times Malta, dozzine di persone salvate lo scorso anno sono destinate a finire in strada, sfrattate dai centri di accoglienza di Malta, entro la fine del mese perché le autorità dovranno far fronte a nuovi arrivi.

A Malta sono molti i migranti che vivono una situazione abitativa particolarmente precaria. A dimostrarlo un episodio di circa un mese fa, quando si è scoperto che un centinaio di migranti erano costretti a vivere in alcune stalle a Marsa (cittadina nel sud di Malta).

Lunedì, circa 80 sono stati sfrattati da un ostello fatiscente a Buġibba, dove vivevano in condizioni decisamente precarie, durante un raid della polizia.

I migranti hanno affermato di avere difficoltà ad accedere alle abitazioni poiché i proprietari sono riluttanti ad affittare una stanza ai richiedenti asilo.

Migrante morto di stenti su un gommone: la foto shock che scuote Malta
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Dietrofront del governo: niente Dad con un contagiato in classe
Cronaca / Picchiato a sangue per aver difeso un’amica da uno stalker: 50enne muore dopo giorni di agonia
Cronaca / Covid, oggi 12.764 casi e 89 morti: tasso di positività all'1,8%
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Dietrofront del governo: niente Dad con un contagiato in classe
Cronaca / Picchiato a sangue per aver difeso un’amica da uno stalker: 50enne muore dopo giorni di agonia
Cronaca / Covid, oggi 12.764 casi e 89 morti: tasso di positività all'1,8%
Cronaca / Incendio alla raffineria Eni di Livorno, i residenti a TPI: “Un forte boato, poi una puzza insopportabile”
Cronaca / Bollette, Draghi annuncia nuovi interventi contro i rincari: “Aiuti a famiglie più povere”
Cronaca / Natale in zona gialla: rischiano Lazio, Lombardia e Veneto
Cronaca / Torino, carabiniere tenta di sventare una rapina e viene accoltellato: fermato un 16enne
Cronaca / Luca Morisi, la procura chiede l’archiviazione dopo l’indagine sulla serata con droga ed escort
Cronaca / Greta Beccaglia, parla l’uomo che ha molestato la giornalista: “Non sto bene per quello che ho fatto, voglio incontrarla”
Cronaca / Scuola, marcia indietro del governo: torna la didattica a distanza anche al primo positivo