Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:30
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Il racconto dalla Germania: migranti “legati e sedati” per il trasferimento in aereo in Italia

Immagine di copertina

Migranti | Germania | Italia | “Legati e sedati”

MIGRANTI GERMANIA ITALIA – In Germania migranti sarebbero stati “legati e sedati” per il trasferimento in aereo in Italia. È quanto racconta un’inchiesta pubblicata oggi dal quotidiano Repubblica realizzata dalla corrispondente Tonia Mastrobuoni, che ha sentito sia testimoni oculari tra i richiedenti asilo sia personalità che nel paese tedesco si occupano dell’assistenza.

Il giornale riporta ad esempio la testimonianza di Abukkabar M., originario della Sierra Leone, che dice di essersi ritrovato a novembre 2018 con “più di cinquanta” richiedenti asilo come lui su un volo che dalla Germania trasportava gli stranieri in Italia, “e una marea di agenti che li scortavano”.

> “In Africa prigione o morte per chi è gay”, l’inferno dei migranti Lgbt

“Ho visto qualcuno scalmanato, che cercava di ribellarsi al trasferimento”, è il racconto di Abukkabar, che nel frattempo è riuscito a fuggire di nuovo in Germania. “Dopo un po’, però, i rivoltosi erano diventati improvvisamente tranquilli, se ne stavano quasi addormentati nei loro sedili, buoni buoni”. La testimonianza – spiega Repubblica – confermerebbe un sospetto che circola da mesi tra le organizzazioni che assistono i migranti. Il timore è che i profughi vengano sedati per evitare che si ribellino ai trasferimenti e che subiscano anche dei maltrattamenti. Abukkabar ha riferito di essere stato trattato “come un animale”.

> Chi controlla davvero i centri di detenzione in Libia

Tra le testimonianze anche quella di una scrittrice tedesca, Anja Tuckermann, che si è occupata molto di migranti e ha anche visitato strutture di accoglienza italiane, di cui dice di avere un ricordo “agghiacciante”. Tuckermann ha assistito anche in Germania alcuni migranti durante i loro trasferimenti, e dice di essere stata testimone di scene “insopportabili”. Una sera – spiega ancora Repubblica – la scrittrice era al cellulare con chi assisteva una famiglia che doveva essere messa su un aereo. “Davanti ai figli piccolissimi sia il padre sia la madre sono stati ammanettati dalla polizia con le mani dietro la schiena, come dei criminali. E poi portati via. I bambini, spaventati a morte, hanno continuato a urlare e a piangere per ore, finché non sono stati ricongiunti con i genitori”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Eutanasia, per la prima volta in Italia un tribunale chiede di verificare se ci sono le condizioni
Cronaca / Covid, 1.400 nuovi casi e 52 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / Speranza non è ancora vaccinato, Bassetti: “Scandaloso, doveva fare AstraZeneca”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Eutanasia, per la prima volta in Italia un tribunale chiede di verificare se ci sono le condizioni
Cronaca / Covid, 1.400 nuovi casi e 52 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / Speranza non è ancora vaccinato, Bassetti: “Scandaloso, doveva fare AstraZeneca”
Cronaca / Funivia Mottarone, il terribile video che mostra lo schianto della cabina
Cronaca / Il Lazio guarda ai giovani: premiate le 100 idee vincitrici del bando “Vitamina G”
Cronaca / A processo con l’accusa di bigamia 40enne si difende: “Non ero a conoscenza del primo matrimonio”
Cronaca / Muore di tumore a 47 anni, sull’epigrafe fa scrivere l’Iban della figlia: “Deve proseguire gli studi”
Cronaca / Grillo, attacco sul blog a G7 e Nato: “Una parata ideologica” per sparare contro Cina e Russia
Cronaca / Saman Abbas, spunta l’sms della madre: “Torna a casa, stiamo morendo, faremo come dici tu”
Cronaca / Luca Barbareschi: “Nessuna eredità ai miei figli, ho pagato loro università da 900mila euro. Ora devono cavarsela”