Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:22
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Il migrante pestato per strada a Ventimiglia si è suicidato nel Cpr di Torino

Immagine di copertina

Il ragazzo della Guinea che il 9 maggio scorso era stato vittima di un pestaggio con spranghe e bastoni a Ventimiglia è morto suicida nel Centro di permanenza per il rimpatrio (Cpr) di corso Brunelleschi, a Torino. Il giovane, di età stimata/dichiarata 23 anni, era ancora in attesa di essere identificato. Lo riporta il quotidiano La Stampa, che sottolinea come le visite mediche abbiano rivelato un profondo stato di depressione, forse legato al fatto di essere rimasto bloccato in Italia senza poter raggiungere la sua destinazione finale, un Paese del Nord Europa, e senza lavoro.

Per questo motivo i sanitari avevano disposto che rimanesse per un periodo in isolamento in via cautelativa e, probabilmente, che seguisse delle terapie. L’altra notte, dopo l’ultimo controllo serale effettuato dagli addetti al Centro, il giovane ha realizzato un cappio rudimentale con le lenzuola e si è tolto la vita. Il corpo è stato trovato solo all’alba, senza alcuna traccia di violenza o colluttazione. L’ispezione effettuata dalla polizia, inoltre, non ha rilevato elementi che possano delineare uno scenario alternativo a quello del suicidio.

L’episodio avvenuto a Ventimiglia, che pare essere collegato al tentativo di furto di un cellulare da parte del ragazzo, ha portato all’identificazione e alla denuncia di tre italiani. La vicenda non sembra avere un nesso di causalità con il suicidio ma è possibile che abbia avuto un peso sulla fragilità psicologica del giovane. Il consolato della Guinea è stato aggiornato della situazione dalle autorità italiane, per ottenere una collaborazione nell’identificazione del ragazzo. Finora l’esame dei suoi pochi effetti personali non ha rivelato ulteriori indizi sulla sua identità e sulle motivazioni che lo hanno spinto a togliersi la vita.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Giovani, precari e depressi: l’impatto delle disuguaglianze sulla salute mentale delle nuove generazioni
Cronaca / È uscito il nuovo numero di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Strage Suviana, trovati i corpi di due dispersi: salgono a cinque le vittime accertate
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Giovani, precari e depressi: l’impatto delle disuguaglianze sulla salute mentale delle nuove generazioni
Cronaca / È uscito il nuovo numero di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Strage Suviana, trovati i corpi di due dispersi: salgono a cinque le vittime accertate
Cronaca / Meteo, temporali e grandine al Nord, temperature giù al Centro-Sud
Cronaca / Epidemia di morbillo in Italia, Bassetti: "Il peggio arriverà in estate"
Cronaca / Vincenzo, Mario, Pavel: chi sono i tre lavoratori morti nell’esplosione della centrale di Suviana
Cronaca / Enrico Varriale al processo per stalking: "Le ho dato uno schiaffo"
Cronaca / Esplosione alla centrale idroelettrica della diga di Suviana: tre morti, tre feriti gravi e sei dispersi
Cronaca / Ancora un morto sul lavoro: operaio folgorato in un cantiere a Taranto
Cronaca / Maiorca, 4 turisti italiani arrestati per stupro di gruppo