Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:51
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

In Lombardia anche i gatti dovranno portare un microchip, dal primo gennaio

Immagine di copertina

Lo stabilisce il piano regionale integrato della sanità pubblica veterinaria 2019-2023

Microchip obbligatorio per i gatti dal 1 gennaio

In Lombardia anche i gatti dovranno avere un microchip, dal 1 gennaio 2020. Lo stabilisce il piano regionale integrato della sanità pubblica veterinaria 2019-2023, per cui anche ai gatti appena nati, appena adottati o comprati, dovrà essere applicato un chip.

Come specifica al Corriere della Sera Francesco Orifici, dell’Associazione nazionale medici veterinari italiani e della Consulta regionale lombarda contro il randagismo, la norma non avrà valore retroattivo. I padroni che posseggono un gatto già da tempo saranno liberi di decidere se vogliono applicare il microchip ai propri cuccioli o meno.

“Abbiamo voluto favorire una tendenza culturale, non punitiva”, dichiara Orifici.

Il dispositivo è simile a quello che già si adopera per i cani: dovrà essere inserito sotto la pelle dell’animale per consentirne l’identificazione, e sarà quindi utile a ritrovare il gatto in caso di smarrimento.

Solo il veterinario sarà autorizzato a inserire il chip, il cui costo varia dai 30 ai 50 euro.

La nuova normativa precisa che chiunque sia in possesso di un lettore microchip potrà vedere se il chip esiste, mentre l’accesso ai dati del padrone è riservato solo ai veterinari. In questo modo, sarà possibile verificare velocemente se un gatto disperso dispone o meno di un padrone.

“Il microchip è necessario anche in questi casi, evita i pellegrinaggi da un rifugio all’altro e gli inutili viaggi, trasferimenti assurdi da un posto all’altra alla ricerca di adozioni”, conclude Orifici.

Leggi anche:
Il commovente abbraccio tra il camionista e il suo gatto perduto in un’area di servizio
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Autovelox non omologati, la Cassazione accoglie il ricorso: multa non valida
Cronaca / Premio Guido Carli: la festa dell’eccellenza italiana
Cronaca / Milano, violenze e torture nel carcere minorile Beccaria: arrestati 13 agenti penitenziari, altri 8 sospesi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Autovelox non omologati, la Cassazione accoglie il ricorso: multa non valida
Cronaca / Premio Guido Carli: la festa dell’eccellenza italiana
Cronaca / Milano, violenze e torture nel carcere minorile Beccaria: arrestati 13 agenti penitenziari, altri 8 sospesi
Cronaca / Salerno, bambino di 15 mesi muore azzannato da due pittbull
Cronaca / Neve a bassa quota e gelo artico, torna l'inverno sull'Italia
Cronaca / Navigatore solitario disperso in mare tra Grecia e Italia: salvato dalla Guardia Costiera
Cronaca / Omicidio Mollicone, la testimone: “Serena ha litigato con un ragazzo il giorno della scomparsa”
Cronaca / Montepulciano, 23enne morto sul lavoro: è stato colpito al petto da un tubo di ferro
Cronaca / Milano, abusi su bambine in una scuola materna: maestro arrestato
Cronaca / Napoli, traghetto da Capri urta banchina: una trentina i feriti, uno in codice rosso