Matteo Salvini contro Chef Rubio: “Bisogna riaprire i manicomi!”

Di Marco Nepi
Pubblicato il 21 Ott. 2019 alle 22:29
343
Immagine di copertina
Matteo Salvini, Chef Rubio

Matteo Salvini contro Chef Rubio

Continua il duello sui social di Matteo Salvini e Chef Rubio. L’ultima battaglia si è consumata il 21 ottobre, il campo è sempre lo stesso: Twitter. Matteo Salvini ha ripreso un articolo sulle dichiarazioni dello chef della tv rispetto al nodo delicato del conflitto israelo-palestinese. Da sempre sostenitore della Palestina, Chef Rubio ha continuato nelle ultime ore ad attaccare ancora Israele.

“Chef Rubio senza freni contro Israele: ‘Esseri abominevoli'”, così titola il pezzo ripreso e diffuso sui social dal leader della Lega, che, commenta l’articolo scrivendo: “È ufficiale: bisogna riaprire i manicomi!”.

Il tweet di Matteo Salvini contro Chef Rubio

Il tweet non è di certo passato inosservato al cuoco di Unti e bisunti, che ha risposto sui social all’attacco gratuito stavolta di Matteo Salvini. “Solo i vigliacchi senza palle come te possono scrivere impunemente con così tanta insensibilità di carcere, detenuti, manicomi e malattie mentali. Prima o poi ci incontreremo faccia a faccia e ti farò vergognare d’esistere. No Matteo Salvini, non sarà dalla D’urso. Spregevole”.

Nei commenti sotto al tweet di Chef Rubio si moltiplicano i messaggi di solidarietà al cuoco romano, che ci tiene a sottolineare che Matteo Salvini con quel tweet non stava offendendo lui, ma tutte le persone che soffrono di una qualsiasi infermità mentale.

“Non ha offeso me, ma tutte le persone che soffrono ingiustamente in strutture fatiscenti, in istituti penitenziari in cui si vernicia solo il corridoio dove passa Mattarella e nel resto dei bracci si suicidano. Lui insulta la vita, insulta l’essere umano. È una merda senza fiori”, scrive ancora Chef Rubio in un commento.

Chef Rubio contro Salvini: “Stufo dei i tuoi sostenitori idioti”. I leghisti lo ricoprono di insulti

343
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.