Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:22
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Marmolada, Toni Valeruz: “Tragedia evitabile. La montagna è irriconoscibile rispetto a venti anni fa”

Immagine di copertina

Per l’alpinista Toni Valeruz la tragedia della Marmolada “poteva essere evitata con un’azione di monitoraggio serio”. Lo ha detto in un’intervista con l’Agi aggiungendo che “l’esperto deve giudicare da dentro la montagna e non da fuori. Persone competenti in loco avrebbero captato che quella fenditura piena d’acqua si spostava giorno dopo giorno”. Secondo Valeruz: “bastava sedersi accanto alla fenditura”, così non si sarebbe rischiato nulla.

Oggi “l’uomo della Marmolada” ha 71 anni. Conta oltre cento prime discese dalle vette delle Alpi e delle Ande. Nella sua carriera da scialpinista non ha mai dubitato di quello che stava facendo: “Se decidevo di intraprendere un’escursione la concludevo”. Valeruz ha raccontato all’Agi di aver scalato la Marmolada ben 900 volte “con tutte le condizioni e in tutte le stagioni”. La prima volta aveva sette anni. Quella montagna lo ha fatto crescere, l’ha forgiato. E proprio sulla “Regina delle Dolomiti”, lo slittamento di una porzione del ghiacciaio ha provocato una strage di escursionisti con un bilancio che conta sette vittime accertate, otto feriti e cinque dispersi. Si continua a cercare e a recuperare quello che si può.

“È falso parlare di crollo, quello che è accaduto è stato uno slittamento di una porzione di ghiaccio. Quella fenditura era gonfia d’acqua anche perché lo zero termico a mezzanotte da giorni era oltre i 4000 metri e l’acqua continuava a scorrere”, ha spiegato l’alpinista all’Agi. Per Valeruz la Marmolada non è pericolosa: “L’alpinista sa che corre dei rischi, sa che è responsabile delle proprie azioni e che potrebbe anche morire”. Ma è anche vero che oggi quella stessa montagna “è irriconoscibile rispetto a venti anni fa. Ci sono i notevoli cambiamenti climatici, questo è il gioco geologico della terra ed è inutile ad andare a cercare responsabilità anche perché il ragionamento geologico è diverso da quello umano”, ha spiegato lo scialpinista.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Barbara D'Urso a Domenica In: "Non ho ancora elaborato il lutto per l'addio a Mediaset"
Cronaca / Campionessa di scherma violentata da tre atleti durante il ritiro della squadra
Cronaca / Diciottenne uccide il padre a coltellate: “Volevo difendere mamma, lui ci picchiava da anni”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Barbara D'Urso a Domenica In: "Non ho ancora elaborato il lutto per l'addio a Mediaset"
Cronaca / Campionessa di scherma violentata da tre atleti durante il ritiro della squadra
Cronaca / Diciottenne uccide il padre a coltellate: “Volevo difendere mamma, lui ci picchiava da anni”
Cronaca / Sonia Bruganelli rapinata a Roma: “Mi hanno strappato il Rolex dal polso, ho avuto tanta paura”
Cronaca / Rinviata al 16 aprile l’udienza per la revisione del processo sulla strage di Erba
Cronaca / Treviso, il coro shock di un gruppo di studenti sul bus contro l’autista donna: “Stupro, stupro”
Cronaca / Il Codacons chiede scusa a Fedez e ritira il comunicato: “Non volevamo accusarlo di evasione fiscale, ma andremo a fondo”
Cronaca / Amianto killer in Marina Militare: Ministero della Difesa condannato per la morte di Aldo Martina
Cronaca / “Interventi contro i meridionali”, Vittorio Feltri andrà a processo per istigazione all’odio razziale
Cronaca / Violenta una 15enne e la costringe a prostituirsi: arrestato 64enne