Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:42
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Il lavoro, la famiglia, l’incidente: chi era veramente “Mario”, primo italiano a ottenere il suicidio assistito

Immagine di copertina

Il vero nome di Mario, il 44enne che si è spento oggi tramite suicidio medicalmente assistito, era Federico Carboni. Solo dopo la sua morte, avvenuta nella mattina del 16 giugno, l’Associazione Luca Coscioni ha rivelato la sua identità. Carboni è stata la prima persona in Italia a ottenere il suicidio assistito dopo la battaglia legale condotta insieme all’Associazione. Prima del tragico indicente che lo ha paralizzato 12 anni fa faceva il camionista. Amava le moto e la strada, ma proprio su quella strada è avvenuto lo schianto da cui credeva di non potersi riprendere mai più. Negli ultimi 12 anni invece è riuscito a vivere grazie all’assistenza della madre, con cui abitava in una casa sul mare a Senigallia. Il padre è morto nel 2015. L’abitazione non aveva barriere e disponeva di un giardino proprio per permettere a Federico Carboni di vivere più serenamente. Ma nelle ultime fasi della convalescenza andare avanti era diventato troppo difficile, come raccontato da Federico stesso nell’ultima lettera, scritta qualche settimana fa.

Ho fatto tutto il possibile per riuscire a vivere il meglio possibile e cercare di recuperare il massimo dalla mia disabilità – ha scritto – ma ormai sono allo stremo sia mentale sia fisico. Posso dire che da quando a febbraio ho ricevuto l’ultimo parere positivo sul farmaco ci sto pensando più e più volte al giorno se sono sicuro di quanto andrò a fare, perché so che premendo quel bottone sarà un addormentarsi chiudendo gli occhi senza più ritorno, ma pensando ogni giorno, appena sveglio fino alla sera quando mi addormento, come vivo e passo le mie giornate e rimandare cosa mi cambierebbe? Niente: sarebbe solo rimandare dolori, sofferenze, non ho un minimo di autonomia della vita quotidiana, sono in balìa degli eventi, dipendo dagli altri su tutto, sono come una barca alla deriva nell’oceano. Sono consapevole delle mie condizioni fisiche e delle prospettive future quindi sono totalmente sereno e tranquillo di quanto farò”. L’iniezione letale è avvenuta sul letto di ospedale dove era assistito dalla madre e da due infermieri. “Ora sono libero di volare”, scriveva ancora nella lettera. “Con l’Associazione Luca Coscioni ci siamo difesi attaccando e abbiamo attaccato difendendoci, abbiamo fatto giurisprudenza e un pezzetto di storia nel nostro paese e sono orgoglioso e onorato di essere stato al vostro fianco. Ora finalmente sono libero di volare dove voglio”.

 

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, nuovo picco di casi. Bassetti: “Rischio lockdown estivo”
Cronaca / Milano, l’eurodeputato Fidanza (FdI) indagato per corruzione
Cronaca / Carri armati diretti in Ucraina fermati sull’autostrada Salerno-Caserta: documenti non in regola
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, nuovo picco di casi. Bassetti: “Rischio lockdown estivo”
Cronaca / Milano, l’eurodeputato Fidanza (FdI) indagato per corruzione
Cronaca / Carri armati diretti in Ucraina fermati sull’autostrada Salerno-Caserta: documenti non in regola
Cronaca / Roma, precipita dal quinto piano ma si rompe solo una gamba
Cronaca / Si sente male alla festa in piscina per i 18 anni dell’amico: morto un ragazzo
Cronaca / Vertice Nato a Madrid, Biden: “Più truppe in Italia e Germania”
Cronaca / Gallarate, due pietre d’inciampo vandalizzate in poche settimane. Il sindaco minimizza: “Una ragazzata”
Cronaca / Livorno, donna colpisce un uomo a calci e pugni in strada: il video virale
Cronaca / Chiama i carabinieri pensando che ci siano i ladri in casa, ma trova la moglie con l’amante
Cronaca / Covid, boom di nuovi casi nell’ultimo giorno: oltre 80mila. Locatelli: “Contagi sottostimati”