Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

“Non voglio essere curato”: 28enne malato di Covid si strappa il casco dell’ossigeno e muore dopo pochi giorni

Immagine di copertina
Credit: Ansa

Malato di Covid si strappa il casco dell’ossigeno e muore dopo pochi giorni

Muore di Covid dopo aver rifiutato le cure in ospedale ed essersi addirittura strappato il casco dell’ossigeno: è quanto accaduto a un 28enne di Terracina, nel Lazio, deceduto all’ospedale Santa Maria Goretti di Latina.

Il ragazzo, convinto no vax, è arrivato all’ospedale di Terracina il 16 gennaio scorso in condizioni già critiche. Quando si è trovato davanti i medici, il giovane ha iniziato ad avere un atteggiamento aggressivo e si è strappato via il casco dell’ossigeno: per calmarlo è stato necessario l’intervento di una pattuglia di carabinieri, i quali hanno tentato di tranquillizzare il ragazzo e di convincerlo a curarsi vista la gravità della situazione.

Trasferito all’ospedale Santa Maria Goretti di Latina, nel reparto di rianimazione Covid, il 28enne è deceduto dopo pochi giorni a causa del suo quadro clinico ormai irrimediabilmente compromesso.

Determinante, per la vita del ragazzo, affetto da altre patologie di tipo neurologico, è stata soprattutto la scelta di non vaccinarsi, ma anche quella di ritardare le cure, presentandosi in ospedale quando ormai era già troppo tardi.

“Quando i no vax arrivano in ospedale non sono ai primi sintomi – spiega a Il Messaggero la direttrice generale della Asl di Latina, Silvia Cavalli – arrivano già in gravi condizioni perché c’è la negazione della malattia. È fondamentale vaccinarsi e recarsi in ospedale ai primi sintomi senza aspettare troppo a lungo”.

La notizia della morte del 28enne è stata commentata anche dall’assessore alla Salute della regione Lazio, Alessio D’Amato, che in una nota, pubblicata sui social, ha dichiarato: “Il Covid-19 colpisce anche i più giovani con esiti, purtroppo, fatali. Bisogna vaccinarsi, è troppo pericoloso!”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Codice della strada, si allenta la stretta sui neopatentati: “Potranno guidare auto di media cilindrata”
Cronaca / Caffè a 50 centesimi se ti porti la tazzina da casa: l’iniziativa di un bar in Molise
Cronaca / Cortei pro Palestina a Firenze e Pisa, cariche della polizia contro i manifestanti
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Codice della strada, si allenta la stretta sui neopatentati: “Potranno guidare auto di media cilindrata”
Cronaca / Caffè a 50 centesimi se ti porti la tazzina da casa: l’iniziativa di un bar in Molise
Cronaca / Cortei pro Palestina a Firenze e Pisa, cariche della polizia contro i manifestanti
Cronaca / Incidente a Sanremo, 17enne muore schiacciato da camion, grave la sorella 15enne
Cronaca / Molestie in università, alla Sapienza di Roma 13 denunce di studentesse e tirocinanti nel 2023
Cronaca / Nuovo codice della strada, sospensione breve della patente per chi usa il cellulare alla guida
Cronaca / “Salviamo il nome Eustachio”: a Matera un bonus economico per chi chiama il figlio come il santo patrono
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Vince 64 milioni al Superenalotto, ma i numeri sul giornale sono sbagliati: “Ho rischiato l’infarto”
Cronaca / Incidente sul lavoro: muore un operaio nello stabilimento Stellantis di Pratola Serra