Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Lucca, assalto omofobo durante una serata Lgbt: botte e auto vandalizzate

Immagine di copertina
Il ragazzo vittima dell'aggressione ha raccontato l'accaduto in una storia su Instagram

La testimonianza di un giovane: "Mi hanno picchiato all'improvviso mentre ballavo al grido di 'ti piace il cazzo'"

Lucca, assalto omofobo durante una serata Lgbt: botte e auto vandalizzate

Assalto omofobo in provincia di Lucca. Durante una serata Lgbt, in un locale di Altopascio, un gruppo di ragazzi ha aggredito diverse persone insultandole per la loro omosessualità e ha danneggiato diverse auto parcheggiate all’esterno. L’episodio risale alla notte tra venerdì 10 e sabato 11 gennaio. Secondo quanto riferito da alcune testate locali, una ragazza avrebbe riportato la frattura al dito di una mano. I carabinieri della stazione di Altopascio stanno indagano sull’accaduto.

Un ragazzo ha raccontato su Instagram come si sarebbero svolti i fatti. “Stavo ballando normalmente quando, improvvisamente, due persone mi hanno aggredito, dandomi una manata, strappandomi la camicia e graffiandomi la schiena”, ha detto. Alla richiesta di spiegazioni sua e di altre persone che erano in pista, i due aggressori avrebbero risposto: “Perché gli piace il cazzo”. Una ragazza avrebbe replicato: “Meglio gay che eterosessuali e cornuti”. A quel punto si sarebbe scatenata la rissa.

Secondo la vittima dell’aggressione, fuori dal locale c’erano altre persone che hanno iniziato a seminare il panico e prendersela con altri avventori del locale e danneggiare molte delle auto parcheggiate all’esterno. Gli aggressori omofobi sarebbero stati provvisti anche di manganelli. “Schifosi gay, schifose lesbiche”, avrebbero gridato durante il raid. Poi si sarebbero dati alla fuga.

I carabinieri sono arrivati sul posto quando ormai gli aggressori si erano già dati alla fuga: i militari dell’Arma hanno raccolto diverse testimonianze e ora indagano per far luce sull’accaduto.

Leggi anche:
Paga 500 euro per far uccidere il marito a bastonate dal suo amante
I cittadini si ribellano alla spietata mafia foggiana: in 20mila al corteo di Libera
“Non è un Paese per mamme”: in Italia cresce il numero di donne che si dimettono dopo aver partorito
Attacca il prete per lo striscione con la sardina, ma è un simbolo cristiano: la gaffe del consigliere comunale di FdI
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Benvenuti nella Kaliningrad italiana: così gli oligarchi russi si sono radicati in Toscana
Cronaca / “Giù le mani dagli alpini. Se siete lesbiche non rompete i co****ni”: insulti alla consigliera delle pari opportunità di Roma
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, Viola: “Potrebbe dipendere da un calo immunità collettiva”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Benvenuti nella Kaliningrad italiana: così gli oligarchi russi si sono radicati in Toscana
Cronaca / “Giù le mani dagli alpini. Se siete lesbiche non rompete i co****ni”: insulti alla consigliera delle pari opportunità di Roma
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, Viola: “Potrebbe dipendere da un calo immunità collettiva”
Cronaca / Covid, 26.561 casi e 89 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'11,4%
Cronaca / La mamma del bimbo morto nell’incidente all’asilo: “Un dolore sovrumano, chiediamo silenzio”
Cronaca / Mali, tre italiani e un togolese rapiti da uomini armati: sequestrata una coppia con bambino
Cronaca / Ossigenoterapia, desametasone, plasma: cosa funziona e cosa no per il Covid
Cronaca / La vera storia di Feltrinelli
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, confermati altri due casi: salgono a tre i contagi registrati in Italia
Cronaca / Cosenza, ragazzo di 16 anni picchiato in strada dallo zio perché gay: “Adesso muori a casa”