Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:07
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Lo Stato condannato a risarcire la famiglia di Vanessa Russo: l’omicida era nullatenente

Immagine di copertina
Credit:ANSA/ARCHIVIO/ALESSANDRO DI MEO/DRN

Lo Stato condannato a risarcire la famiglia di Vanessa Russo: l’omicida era nullatenente

Dopo una lunga odissea legale, lo Stato italiano è stato condannato a risarcire i parenti di Vanessa Russo, la ragazza uccisa con un ombrello dopo una lite in metropolitana avvenuta nel 2007.

A pagare il risarcimento di 760mila euro dovrà essere la Presidenza del Consiglio dei ministri, dopo che la Corte d’appello di Roma ha confermato la sentenza della Corte di giustizia europea. Nel 2020 la corte di Lussemburgo aveva condannato l’Italia per aver limitato a cifre irrisorie gli indennizzi alle vittime di reati violenti commessi da persone nullatenenti. È questo il caso di Doina Matei, condannata nel 2010 a 16 anni di reclusione per aver trafitto la 22enne Vanessa Russo con la punta di un ombrello, dopo un semplice diverbio alla stazione Termini di Roma.

Due anni dopo la condanna definitiva, i parenti di Russo si sono rivolti al tribunale di Perugia per ottenere il risarcimento, quantificato da una sentenza del 2014 in 260mila euro a favore del padre, 300mila alla madre e 100mila euro al fratello e alla sorella. Dal momento che Matei risultava nullatenente, con due figli a carico, la famiglia ha deciso di citare lo Stato italiano, che inizialmente ha ignorato la richiesta. Dopo una prima condanna del tribunale di Roma, l’Avvocatura dello Stato ha fatto ricorso, sostenendo che l’Italia avrebbe recepito una direttiva europea che impone agli Stati membri di garantire un indennizzo alle vittime di reati violenti commessi da soggetti nullatenenti. Nel 2020 la pronuncia della Corte di giustizia europea, che ha condannato lo Stato per aver “indebitamente limitato gli indennizzi previsti per le vittime di reati violenti a cifre irrisorie e meramente simboliche”, secondo quanto riporta Libero.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Sta ‘zoccoletta’ avrà quel che si merita”: studentessa insultata sui social da un professore per il suo abbigliamento
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, primo caso in Toscana: salgono a 4 i contagi registrati in Italia
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, la Spagna indaga sul Gay Pride delle Canarie: “Possibile focolaio d’Europa”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Sta ‘zoccoletta’ avrà quel che si merita”: studentessa insultata sui social da un professore per il suo abbigliamento
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, primo caso in Toscana: salgono a 4 i contagi registrati in Italia
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, la Spagna indaga sul Gay Pride delle Canarie: “Possibile focolaio d’Europa”
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, Oms: “Finora 92 casi in 12 Paesi, attesi altri contagi”
Cronaca / Ilaria Capua: “Peste suina? Un’emergenza annunciata per cui non esiste il vaccino”
Cronaca / Covid, 17.744 casi e 34 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / Firenze, furto da film in una gioielleria: i ladri sono entrati dalle fogne
Cronaca / Non vuole giocare a palla con la figlia, la mamma picchia l’amichetta al parco
Cronaca / Trani, scontro in volo tra due ultraleggeri: due morti e tre feriti
Cronaca / Lecco, perde il controllo della moto e investe pedoni: due morti e un ferito