Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Lo Stato condannato a risarcire la famiglia di Vanessa Russo: l’omicida era nullatenente

Immagine di copertina
Credit:ANSA/ARCHIVIO/ALESSANDRO DI MEO/DRN

Lo Stato condannato a risarcire la famiglia di Vanessa Russo: l’omicida era nullatenente

Dopo una lunga odissea legale, lo Stato italiano è stato condannato a risarcire i parenti di Vanessa Russo, la ragazza uccisa con un ombrello dopo una lite in metropolitana avvenuta nel 2007.

A pagare il risarcimento di 760mila euro dovrà essere la Presidenza del Consiglio dei ministri, dopo che la Corte d’appello di Roma ha confermato la sentenza della Corte di giustizia europea. Nel 2020 la corte di Lussemburgo aveva condannato l’Italia per aver limitato a cifre irrisorie gli indennizzi alle vittime di reati violenti commessi da persone nullatenenti. È questo il caso di Doina Matei, condannata nel 2010 a 16 anni di reclusione per aver trafitto la 22enne Vanessa Russo con la punta di un ombrello, dopo un semplice diverbio alla stazione Termini di Roma.

Due anni dopo la condanna definitiva, i parenti di Russo si sono rivolti al tribunale di Perugia per ottenere il risarcimento, quantificato da una sentenza del 2014 in 260mila euro a favore del padre, 300mila alla madre e 100mila euro al fratello e alla sorella. Dal momento che Matei risultava nullatenente, con due figli a carico, la famiglia ha deciso di citare lo Stato italiano, che inizialmente ha ignorato la richiesta. Dopo una prima condanna del tribunale di Roma, l’Avvocatura dello Stato ha fatto ricorso, sostenendo che l’Italia avrebbe recepito una direttiva europea che impone agli Stati membri di garantire un indennizzo alle vittime di reati violenti commessi da soggetti nullatenenti. Nel 2020 la pronuncia della Corte di giustizia europea, che ha condannato lo Stato per aver “indebitamente limitato gli indennizzi previsti per le vittime di reati violenti a cifre irrisorie e meramente simboliche”, secondo quanto riporta Libero.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il Papa riconosce un miracolo attribuito a Carlo Acutis: il “patrono di Internet” sarà santo
Cronaca / “Offende l’Islam”: due studenti musulmani esentati dallo studio di Dante a Treviso. Il ministro Valditara: “Inammissibile”
Cronaca / Processo Salis, caos in aula: il giudice rivela l’indirizzo dove l’italiana sta scontando i domiciliari
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il Papa riconosce un miracolo attribuito a Carlo Acutis: il “patrono di Internet” sarà santo
Cronaca / “Offende l’Islam”: due studenti musulmani esentati dallo studio di Dante a Treviso. Il ministro Valditara: “Inammissibile”
Cronaca / Processo Salis, caos in aula: il giudice rivela l’indirizzo dove l’italiana sta scontando i domiciliari
Cronaca / Morto Franco Anelli, rettore dell'Università Cattolica di Milano
Cronaca / Testamento “colombiano” di Silvio Berlusconi: Di Nunzio arrestato per falso
Cronaca / È uscito il nuovo numero di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Non c’è Pace Senza Giustizia celebra i primi 30 anni festeggiando le conquiste e fissando gli obiettivi del futuro
Cronaca / L’ennesimo mistero su Emanuela Orlandi: “La sua agenda presa dai servizi segreti e consegnata alla polizia un mese dopo”
Cronaca / Il giallo dell'influencer ricoverata in fin di vita con un buco al petto
Cronaca / Lutto nel mondo del cinema: è morto Gaetano Di Vaio