Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

La denuncia di oltre 300 mediatori interculturali: “Il nostro lavoro sospeso improvvisamente dal ministero dell’Interno”

Immagine di copertina

Dal primo luglio circa 300/350 mediatori interculturali sono rimasti senza lavoro. Il giorno precedente, infatti, il Ministero dell’Interno comunicava improvvisamente la sospensione delle attività di mediazione presso gli uffici Immigrazione delle Questure, negli uffici di Frontiera, nei CPR e nei vari hotspot distribuiti in tutta Italia. Al momento dal ministero non è giunta nessuna indicazione ufficiale sul ripristino del servizio.

Dopo molti anni di lavoro, i mediatori interculturali si trovano in un limbo privi di qualsiasi informazione circa il loro futuro. A tal proposito hanno scritto una lettera al ministro Lamorgese per chiedere il ripristino del servizio di mediazione linguistico-interculturale, la salvaguardia dei livelli occupazionali precedenti, l’apertura di un tavolo di discussione sul riconoscimento della figura del Mediatore Interculturale.

Al Ministro dell’Interno

Dott.ssa Luciana Lamorgese

Piazza del Viminale, 1

R O M A

Egregio Ministro,

siamo i mediatori interculturali che da anni prestano servizio presso gli Uffici Immigrazione delle Questure, negli Uffici di Frontiera, nei CPR e nei vari hotspot distribuiti sulla Penisola. Il mediatore interculturale è una figura indispensabile per un corretto svolgimento del lavoro negli uffici appartenenti al Dipartimento della Pubblica Sicurezza.

Le funzioni svolte dal mediatore sono molteplici e delicate. Supportiamo i funzionari pubblici nelle attività di orientamento, d’informazione, di accoglienza, di traduzione, di interpretariato, di mediazione linguistico-culturale e di sensibilizzazione. L’attività del mediatore interculturale è improntata al rispetto dei diritti degli stranieri, alla facilitazione della comunicazione e al cambiamento dei rapporti tra utente e operatore di pubblica sicurezza. Cosa che facilita i processi di inserimento dei cittadini stranieri, ma migliora anche la qualità del servizio pubblico nella comunicazione con gli utenti. Il mediatore interculturale svolge, infatti, ruoli complessi nell’ambito dell’informazione, dell’orientamento, della gestione dei conflitti, dell’accompagnamento, dell’assistenza, della formazione, della consulenza, della progettazione degli interventi e dei servizi e della ricerca.

Nello specifico, noi mediatori interculturali operanti negli uffici appartenenti al Dipartimento della Pubblica Sicurezza, svolgiamo un’importante attività sia negli uffici della Polizia di Frontiera, dove siamo impiegati, in occasione delle fasi di soccorso e sbarco dei migranti e nelle successive fasi, sia all’interno degli Uffici Immigrazione delle Questure, dove siamo prevalentemente impiegati presso le varie sezioni dell’Ufficio immigrazione.

Tuttavia, dietro la fredda statistica sul carattere sempre più multietnico e multiculturale della società italiana e la pluralità dei Paesi di provenienza, si nascondono spesso disagi, tensioni e incomprensioni tra immigrati e operatori della Pubblica Sicurezza. Il mediatore Interculturale spesso si fa carico di questi conflitti e tenta di aiutare nella risoluzione. Con il passare degli anni, è nato un clima di reciproca fiducia e una serie di buone pratiche tra Mediatori Interculturali e gli operatori della Pubblica Sicurezza in ambito lavorativo.

Il 30 giugno una lettera inviata dagli uffici del Ministero dell’Interno comunicava l’improvvisa e immediata sospensione del servizio di mediazione interculturale. Dal primo luglio circa 300/350 colleghe e colleghi sono rimasti a casa e da allora non si ha nessuna indicazione sulla eventuale riattivazione del servizio. Questa situazione svilisce la nostra professionalità. Dopo anni di servizio e di impegno siamo rimasti da un giorno all’altro senza lavoro e senza alcuna informazione sul nostro futuro. Da anni supportiamo gli uffici immigrazione spesso in condizioni di precarietà e instabilità contrattuale. Eppure non abbiamo mai fatto mancare il nostro quotidiano impegno. Siamo lavoratori e lavoratrici come tutti e tutte le altre. Abbiamo famiglie da mantenere, bollette da pagare, case da portare avanti. Meritiamo chiarezza e rispetto.

Pertanto, a nome dei mediatori interculturali operanti presso gli Uffici Immigrazione delle Questure, negli Uffici di Frontiera, nei CPR e nei vari hotspot distribuiti sulla Penisola, veniamo con la presente a chiedere l’immediato e rapido ripristino del servizio di mediazione linguistico-interculturale in tutte le sedi appartenenti al Dipartimento della Pubblica Sicurezza, dove erano operanti i mediatori interculturali. Chiediamo la salvaguardia dei livelli occupazionali precedenti. Inoltre, riteniamo necessario che si apra nuovamente un tavolo di discussione sul riconoscimento della figura del Mediatore Interculturale, in modo da accedere alla contrattazione collettiva sul lavoro.

Crediamo che siano maturi i tempi per rompere il silenzio intorno alla nostra situazione lavorativa. La nostra professionalità necessita di un riconoscimento formale, di garanzie e di tutele.

Certi di un Suo riscontro, Le inviamo un sincero saluto

CLAP – Camere del Lavoro Autonome e Precarie

Coordinamento dei Mediatori Interculturali d’Italia

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Salento, la casa-vacanze è da incubo: il wc è in cucina | VIDEO
Cronaca / Blocca il treno dell'alta velocità, scende e lancia sassi sull'autostrada
Cronaca / Sardegna, lo stabilimento non ha il Pos, l’influencer chiama la Finanza. Il proprietario: “Tanto sono 30 euro di multa”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Salento, la casa-vacanze è da incubo: il wc è in cucina | VIDEO
Cronaca / Blocca il treno dell'alta velocità, scende e lancia sassi sull'autostrada
Cronaca / Sardegna, lo stabilimento non ha il Pos, l’influencer chiama la Finanza. Il proprietario: “Tanto sono 30 euro di multa”
Cronaca / Roma, scavano un tunnel sotterraneo, ma uno di loro resta bloccato
Cronaca / Evade dai domiciliari per andare in vacanza a Gallipoli e posta le foto su Instagram: arrestato
Cronaca / Arriva in India e non paga la tassa di soggiorno. Italiano arrestato, rischia 8 anni di carcere
Cronaca / Turiste francesi stuprate a Bari, il pm: “Scene da Arancia Meccanica”
Cronaca / Il geologo Tozzi invita Jovanotti a prendere una birra per discutere del Jova Beach Party
Cronaca / Svizzera, il ministro a Sgarbi: “Le regole sono uguali per tutti. Qui i deputati non hanno auto blu”
Cronaca / “Piscine contaminate da batteri fecali”: blitz dei Nas nei parchi acquatici