Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:07
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Morta Jole Santelli: le cause della morte della presidente della Regione Calabria

Immagine di copertina

Morta Jole Santelli: le cause della morte della presidente della Regione Calabria

Quali sono le cause della morte di Jole Santelli, la presidente della Regione Calabria morta oggi, 15 ottobre 2020, che da tempo lottava contro un tumore? Secondo le prime informazioni, la governatrice – trovata senza vita nel suo appartamento di via Piave a Cosenza dalla sorella – sarebbe morta nella notte a causa di un arresto cardiaco (infarto). Da tempo la donna lottava con la malattia: il cancro. “Non ho mai nascosto la mia malattia, qui tutti sanno, non voglio neanche però che essa mi perseguiti”, disse in un’intervista al Fatto Quotidiano. “Quando una persona subisce un attacco così violento alla propria vita, quando il dolore fisico si fa radicale e incomprimibile, allora quella persona ha due strade: deprimersi e farsi portare via dalla corrente, scegliere che il destino scelga per lei. Oppure attivarsi, concentrarsi e soprattutto ribellarsi”, le sue parole.

Chi era Jole Santelli

Jole Santelli, morta oggi all’età di 51 anni, era la presidente della Regione Calabria. In passato ha collaborato come avvocato con lo studio legale dell’avvocato Tina Lagostena Bassi. La sua carriera politica è stata strettamente legata alla storia di Forza Italia, partito cui è stata legata fin dal 1994. Santelli è stata eletta per la prima volta alla Camera dei deputati nel 2001. Ha ricoperto l’incarico di sottosegretario di Stato al Ministero della Giustizia (dal 2001 al 2006) nel secondo e terzo Governo Berlusconi, e sottosegretario al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (da maggio a dicembre 2013) nel Governo Letta. Santelli è stata anche per alcuni anni, dal 2016, vicesindaco e assessore alla cultura di Cosenza – sua città natale – con Mario Occhiuto sindaco. Il 14 novembre del 2018 è stata eletta vicepresidente della Commissione parlamentare antimafia. Attualmente ricopre anche l’incarico di coordinatrice di Forza Italia in Calabria. Nel 2020 Jole Santelli, nonostante la malattia, è stata eletta presidente della Regione Calabria.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Padre e figlio di 5 anni muoiono in mare: "I suoi tre figli stavano annegando, si è tuffato per salvarli"
Cronaca / Lettera di uno studente 15enne: “L’Italia deve ripartire dai giovani, il centrodestra non lo ha capito”
Cronaca / Pistoia, bambina di sei anni violentata dal vicino di casa. Arrestato pensionato di 69 anni
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Padre e figlio di 5 anni muoiono in mare: "I suoi tre figli stavano annegando, si è tuffato per salvarli"
Cronaca / Lettera di uno studente 15enne: “L’Italia deve ripartire dai giovani, il centrodestra non lo ha capito”
Cronaca / Pistoia, bambina di sei anni violentata dal vicino di casa. Arrestato pensionato di 69 anni
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, “Categorie a rischio nella circolare del Ministero. Così torna lo stigma”
Cronaca / Monza, arrestati i trapper Jordan e Traffik. Hanno rapinato un uomo al grido di “Vogliamo ammazzarti perché nero”
Cronaca / A Roma i funerali di Piero Angela, il figlio Alberto: "Mi ha insegnato a non avere paura della morte"
Cronaca / Plastica nei wurstel e vetro nel tiramisù: ritirati due prodotti dai supermercati
Cronaca / Brescia, bambino ferito da un proiettile esploso da una guardia giurata: è in gravi condizioni
Cronaca / Aumentano i femminicidi in Italia: nell'ultimo anno uccise 125 donne
Cronaca / Vende aria di mare in barattolo, la trovata di un universitario di Porto Cesareo fa impazzire i turisti