Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:47
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Il mistero di Daouda Diane: scomparso da due mesi l’operaio che protestava per i diritti in Sicilia. Le indagini verso l’archiviazione

Immagine di copertina

Il mistero di Daouda Diane: scomparso da due mesi l’operaio che protestava per i diritti in Sicilia

Dov’è Daouda Diane? Dal 2 luglio non ci sono tracce dell’operaio residente ad Acate, in provincia di Ragusa. Da pochi giorni aveva iniziato a lavorare in nero per l’azienda Sgv Calcestruzzi dove aveva denunciato, presso colleghi e amici, le condizioni di lavoro pericolose degli stabilimenti. Il legale Mirko La Martina ha negato che l’azienda avesse beneficiato del lavoro di Diane, a cui avrebbe solo chiesto di “spazzare” il cortile sporadicamente, ma alcune evidenze sembrano dire altro. La prima è un video che mostra l’uomo operare con un un martello pneumatico, la seconda la testimonianza del coinquilino, secondo il quale “un uomo veniva a prendere Daouda alle sette di mattina e lo riportava il pomeriggio”, riporta Fanpage. Nel giorno della scomparsa, le telecamere dell’aziende erano inattive.

Gli inquirenti hanno aperto un’indagine per omicidio e occultazione di cadavere. Si teme che il lavoratore, rimasto vittima di un incidente sul lavoro, sia sparito per mano dei datori di lavoro. Difficile credere alla teoria di un allontanamento volontario del 38enne: venti giorni dopo sarebbe dovuto partire in Costa d’Avorio, per rendere visita alla moglie e al figlio che non vedeva da cinque anni.

Il sindacato USB Ragusa aveva organizzato una manifestazione il 22 luglio, dove hanno partecipato oltre 500 lavoratori, molti dei quali migranti come Daouda. Il sindacato ha denunciato il silenzio della politica: “non un consigliere regionale, non un rappresentante della politica siciliana ha preso la parola sulla sparizione di un lavoratore. Il sospetto viene naturale: forse perché era ‘soltanto’ un migrante?”. Daouda, inoltre, beneficiava del permesso di soggiorno e lavorava come mediatore culturale sin dal suo arrivo in Italia. Si impegnava per i diritti dei lavoratori in Sicilia, più volte aveva partecipato alle manifestazioni di USB.

La procura non ha iscritto alcun nome nel registro degli indagati, mentre diverse voci si alzano contro la lentezza nella ricerca del lavoratore. “Da quell’azienda escono decine di camion al giorno, li hanno mai controllati? E nelle cave o nelle vasche vicino hanno mai guardato?” ha detto un amico dello scomparso. Da più di un mese i pm le forze dell’ordine non avanzano nelle ricerche, denuncia Ragusa news.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Amianto killer in Marina Militare: Ministero della Difesa condannato per la morte di Aldo Martina
Cronaca / “Interventi contro i meridionali”, Vittorio Feltri andrà a processo per istigazione all’odio razziale
Cronaca / Violenta una 15enne e la costringe a prostituirsi: arrestato 64enne
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Amianto killer in Marina Militare: Ministero della Difesa condannato per la morte di Aldo Martina
Cronaca / “Interventi contro i meridionali”, Vittorio Feltri andrà a processo per istigazione all’odio razziale
Cronaca / Violenta una 15enne e la costringe a prostituirsi: arrestato 64enne
Cronaca / Torino, gruppo di antagonisti assalta una Volante davanti alla questura. Mattarella esprime solidarietà agli agenti
Cronaca / Minaccia di buttarsi da 17 metri, paura a Pescara: si negozia da 18 ore
Cronaca / Trenitalia, nuove regole sui bagagli e sul trasporto di passeggini, bici e strumenti musicali. Poi lo stop
Cronaca / Melissa Satta non ci sta e querela: “Basta, definita ‘sex addicted’ per la rottura con Berrettini”
Cronaca / Migranti, l’ong non si accordò con gli scafisti: chiesta l’archiviazione per il caso Iuventa
Cronaca / Il 4 novembre sarà la “Giornata dell’Unità nazionale e delle Forze armate”: via libera alla legge
Cronaca / Gruppo FS e il MAECI insieme per gli italiani nel mondo