Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:42
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Rubavano le credenziali alle farmacie e generavano falsi green pass: perquisizioni in tutta Italia

Immagine di copertina
Credit: Ansa

Sono oltre 120 le persone che hanno acquistato un green passo falso, dal nord al sud Italia. Non vaccinati e senza tampone hanno ottenuto la certificazione sfruttando i canali di accesso messi a disposizione dalle farmacie per inserire i codici dei tamponi e dei vaccini somministrati per così, poi, generare il green pass.

Le indagini disposte dalla Procura di Napoli hanno portato a perquisizioni in tutta Italia da parte della polizia postale. Le intrusioni illegali hanno interessato i sistemi sanitari di sei regioni: Campania, Lazio, Puglia, Lombardia, Calabria e Veneto. La tecnica utilizzata per sottrarre i codici è stata quella del phishing, il furto online di dati. Venivano inviate e-mail identiche a quelle istituzionali, collegate però a un sito web falso e clone di quello del sistema sanitario. In alcuni casi gli hacker ricorrevano a servizi di chiamata internazionale: sul display appariva il numero del sistema sanitario regionale e il finto operatore portava il farmacista a installare un software che in realtà permetteva di controllare il computer da remoto.

Sono 82 le persone indagate nell’ambito dell’inchiesta: 15 già sottoposti a indagine perché presunti appartenenti a un’associazione criminale; 67 sono loro clienti.

Gli utilizzatori del falso certificato verde sono stati individuati e localizzati nelle province di Napoli, Avellino, Benevento, Caserta, Salerno, Bolzano, Como, Grosseto, Messina, Milano, Monza – Brianza, Reggio Calabria, Roma e Treno.

I falsi green pass (anche quelli rafforzati), che superavano i controlli delle app, sono stati prontamente disabilitati anche con la collaborazione del Ministero della Salute.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Cronaca / Papa Francesco: “I genitori non condannino i figli gay”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Cronaca / Papa Francesco: “I genitori non condannino i figli gay”
Cronaca / Cagliari, 30enne disoccupato cerca di farsi vaccinare al posto di un no vax in cambio di una cena
Cronaca / Sileri al no vax: “Vi renderemo la vita impossibile”. Bufera social sul sottosegretario | VIDEO
Cronaca / Napoli, vuole il gelato ma non ha il green pass: anziano estrae pistola e la punta contro il vigilante
Cronaca / Scuola, le Regioni chiedono al governo di mandare in classe i positivi asintomatici
Cronaca / Covid, oggi 186.740 casi e 468 morti: mai così tanti dal 14 aprile 2021
Cronaca / I Savoia rivogliono i gioielli della corona custoditi dalla Banca d’Italia: “Appartengono a noi”
Cronaca / Milano, violenze in piazza Duomo: tre indagati. Dicevano: “Quella dalla a me”