Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 10:14
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Lite tra grillini a Roma finisce in rissa: minisindaco morso sul naso da un consigliere

Immagine di copertina
Alessandro Stirpe e Giovanni Boccuzzi

Lite tra M5s: consigliere ha morso sul naso il minisindaco del V Municipio

Succede che all’apice di una furiosa lite tra grillini: un consigliere comunale si è fiondato sul minisindaco del V Municipio di Roma e l’ha morso sul naso. È successo lo scorso giovedì pomeriggio e al centro della vicenda ci sono Giovanni Boccuzzi, il minisindaco alla guida del municipio delle “Torri” in quota Movimento 5 Stelle, e Alessandro Stirpe, il presidente della Commissione cultura.

A raccontare i fatti è l’AdnKronos, secondo cui, come riferiscono alcune fonti interne allo stesso V Municipio romano, il presidente della Commissione cultura romano avrebbe assalito il minisindaco. L’aggressione ci sarebbe stata tra le 15.30 e le 16.30 del 12 settembre scorso, nella stanza di Maria Teresa Brunetti, assessore alla Cultura e allo Sport.

Al momento non è chiaro ancora se il presidente del V Municipio voglia sporgere o meno denuncia nei confronti di Alessandro Stirpe. Il morso ha causato un taglio superficiale sulla cute del minisindaco del municipio dell Torri, che però se l’è cavata con qualche goccia di sangue.

A scatenare la lite tra i due non ci sarebbero motivazioni politiche. Boccuzzi e Stirpe avrebbero litigato per questioni personali. Come si legge sull’AdnKronos, alla base della disputa ci sarebbero i rapporti umani “consumati” e “ormai fortemente deteriorati” tra il minisindaco e i due consiglieri: Stirpe e Monia Medaglia.

Boccuzzi avrebbe accusato i due di “eccessivo protagonismo che non giova al lavoro di squadra”. Entrambi non hanno voluto proferir parola rispetto a quanto accaduto nella stanza di Brunetti. “Sono cose private che non devono interessare”, ha detto il minisindaco Boccuzzi, evitando le domande. Gli fa eco Stirpe, per il quale “Non c’è nulla da commentare. Continuerò a far parte del movimento”.

Voci di corridoio del V Municipio romano volevano, infatti, l’espulsione di Stirpe dal Movimento 5 Stelle. Il presidente della commissione cultura rassicura tutti: “Lavoro per il bene del territorio e ci sono ancora tante cose da realizzare, tanti progetti da portare a termine a beneficio dei cittadini”.

Litiga con la fidanzata in una discoteca per scambisti e le stacca un orecchio a morsi

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Regeni, il procuratore Pignatone: “Giulio torturato per una settimana. Collaborazione con Egitto altalenante”
Cronaca / Decreto green pass: via le sanzioni per chi va a lavoro senza. Novità anche per cinema e teatri
Cronaca / 3.377 nuovi casi e 67 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1%
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Regeni, il procuratore Pignatone: “Giulio torturato per una settimana. Collaborazione con Egitto altalenante”
Cronaca / Decreto green pass: via le sanzioni per chi va a lavoro senza. Novità anche per cinema e teatri
Cronaca / 3.377 nuovi casi e 67 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1%
Cronaca / Papa Francesco: “Alcuni mi volevano morto, preparavano il conclave”
Cronaca / “Il Green pass rende liberi”, preside di Ferrara rievoca Auschwitz: sospeso dal servizio
Cronaca / Feltri difende Barbara Palombelli: “Sui femminicidi ha ragione”
Cronaca / Bambino di 4 anni caduto dal balcone a Napoli, il domestico: “L’ho lasciato cadere”
Cronaca / 2.407 nuovi casi e 44 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2%
Cronaca / Frosinone, detenuto spara ad altri tre reclusi: “La pistola arrivata in carcere con un drone”
Cronaca / Vaccini, iniziata la somministrazione della terza dose per soggetti fragili e a rischio