Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Green Pass, Cucinelli: “Chi non si vaccina non lavorerà, ma lo pagherò lo stesso per sei mesi”

Immagine di copertina
Ansa / Matteo Bazzi

Green Pass, Cucinelli: “Chi non si vaccina non lavorerà, ma lo pagherò lo stesso per sei mesi”

Da “niente vaccino, niente stipendio” all’aspettativa retribuita per chi non si vaccina. L’imprenditore umbro Brunello Cucinelli, noto come “re del cachemire”, ha deciso di prendere una posizione più morbida rispetto a quella Confindustria sui lavoratori che non hanno ricevuto il vaccino.

“Ho il dovere morale di essere il custode di questa impresa e del 99% delle persone che ci lavorano. Immunizzarsi è un obbligo morale”, ha detto Cucinelli in un’intervista a La Stampa, spiegando che “chi non si vaccina rappresenta un problema”.

“Io non voglio certo licenziare nessuno e sono pronto a garantire un’aspettativa remunerata per sei mesi a chi non si vaccina”, ha aggiunto l’imprenditore, nel 2019 preso in considerazione come candidato di Partito democratico e Movimento 5 Stelle alla presidenza dell’Umbria, prima di chiamarsi fuori.

Negli scorsi giorni aveva fatto discutere la proposta di Confindustria di arrivare a sospendere la retribuzione dei lavoratori che non si vaccinano. In una mail, la direttrice generale Francesca Mariotti, ha spiegato che per evitare una nuova ondata di Covid, che potrebbe portare a nuove pause della produzione, è necessario obbligare i lavoratori a vaccinarsi, arrivando a sospendere la retribuzione di chi non dispone di una Certificazione verde e non può essere assegnato a mansioni diverse.

“Non voglio parlare per gli altri, ma non si possono stravolgere il funzionamento dell’azienda, le competenze e gli stipendi delle persone”, ha detto invece Cucinelli in un’altra intervista a La Repubblica commentando la proposta dell’organizzazione che rappresenta le imprese, dicendosi “fiducioso” dell’intervento del governo sulla questione. “Del resto chi non è vaccinato non potrà viaggiare e andare al ristorante, ma in azienda ci passi 9 ore al giorno, e il rischio a cui esponi che ti sta al fianco è molto più alto”.

Cucinelli, che aveva già parlato nelle scorse settimane della possibilità di un’aspettativa retribuita per i non vaccinati, ha detto che meno dell’un percento dei suoi 1.200 dipendenti non risulta vaccinato nei suoi stabilimenti a Solomeo, in provincia di Perugia. Al termine del periodo di aspettativa, secondo Cucinelli, “poi si vedrà. Dio vede e provvede”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 192.320 casi e 380 morti: tasso di positività al 16,3%
Cronaca / Donne e lavoro, la pandemia ha peggiorato la situazione: occupazione al 49%
Cronaca / Scuola, Bianchi: “93,4% delle classi sono in presenza”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 192.320 casi e 380 morti: tasso di positività al 16,3%
Cronaca / Donne e lavoro, la pandemia ha peggiorato la situazione: occupazione al 49%
Cronaca / Scuola, Bianchi: “93,4% delle classi sono in presenza”
Cronaca / Pregliasco a TPI: “Priorità ai vaccinati? È una scelta normale, altrimenti restano a casa i casi gravi”
Cronaca / Venezia, Malkovich in laguna per girare una serie tv: respinto dall’Hotel per il green pass scaduto
Cronaca / Raoul Bova a processo con l’accusa di lesioni e minacce: fece a botte con un automobilista
Cronaca / Meloni positiva al Covid a Natale. Negativa alla ripresa delle attività
Cronaca / Ruby ter, difesa Berlusconi chiede rinvio processo per elezione Quirinale. Giudici accolgono
Cronaca / Vertice del centrosinistra sul Quirinale, Letta: “Nessuna intesa sui nomi, ne parleremo con il centrodestra”
Cronaca / “In passato abitavo ai Parioli e avevo tre Ferrari”. La storia di Alberto che oggi vive per strada