Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:35
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Scontri a Genova, due poliziotti ammettono di avere colpito il giornalista Origone

Immagine di copertina
Credit Ansa

Due poliziotti hanno ammesso di avere colpito Stefano Origone mentre altri due hanno detto di non aver partecipato direttamente ma di avere visto la scena solo alla fine. E’ quanto detto dai quattro agenti che oggi si sono presentati spontaneamente in procura, con i loro difensori Paolo Costa, Aldo Nappi e Rachele De Stefanis.

Nel mirino della procura però ci sarebbero altre due persone che non è escluso possano presentarsi in procura nelle prossime ore come hanno fatto oggi i colleghi.

La ricostruzione degli scontri. Lo scorso 23 maggio, mentre seguiva il comizio di Casa Pound a Genova e gli scontri con gli antagonisti, il cronista di Repubblica Stefano Origone è stato malmenato da alcuni poliziotti nonostante avesse dichiarato di essere un giornalista.

“‘Sono un giornalista’, continuavo a gridare disperatamente. Niente, non si fermavano. Possibile che non sentissero? D’istinto mi sono coperto la testa con le mani. Non so quanto sia durato, probabilmente una ventina di secondi, ma interminabili. E sempre d’istinto mi sono ritrovato in posizione fetale con le mani sul capo e la faccia per terra” sono state le parole di commento di Origone.

“Vedevo anfibi neri. Tanti, intorno a me. Mi rimbombavano nel cervello i colpi dei loro manganelli e delle loro suole. Calci alla schiena, manganellate sulle braccia, sulle gambe, sugli stinchi. Le mani non bastavano a difendermi. Mi stavano ammazzando di botte come nei film che avevo visto sul G8. Sentivo dolore, pregavo che smettessero”. Era stato Giampiero Bove, un poliziotto cui Origone è legato da un rapporto di amicizia, a interrompere il pestaggio. (Qui il racconto del cronista)

La vicenda ha riaperto il tema del comportamento di alcuni componenti delle forze dell’ordine in occasione di eventi pubblici “a rischio” come quello di Genova.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / La previsione del capo di Pfizer: “L’attuale ondata di Covid-19 sarà l’ultima con le restrizioni”
Cronaca / Covid, il consulente di Figliuolo “boccia” la quarta dose: “Ora non serve, ci salva le memoria immunitaria”
Cronaca / Acireale, svolta nel caso di Agata Scuto: arrestato l’ex convivente della madre
Ti potrebbe interessare
Cronaca / La previsione del capo di Pfizer: “L’attuale ondata di Covid-19 sarà l’ultima con le restrizioni”
Cronaca / Covid, il consulente di Figliuolo “boccia” la quarta dose: “Ora non serve, ci salva le memoria immunitaria”
Cronaca / Acireale, svolta nel caso di Agata Scuto: arrestato l’ex convivente della madre
Cronaca / Dal sistema dei colori alle norme per l’isolamento, le Regioni in pressing sul governo per cambiare le misure anti-Covid
Cronaca / Donna muore a 46 anni: era stata morsa due volte dal ragno violino
Cronaca / Covid, oggi 149.512 casi e 248 morti. Tasso di positività al 16,1%
Cronaca / Dopo ansia e depressione causate dalla pandemia, spopola il mercato della tranquillità. Ecco cos’è e quanto spendiamo
Cronaca / Alzano e Nembro, la perizia di Crisanti ai pm: “Con zona rossa 4mila morti in meno”
Cronaca / Melandri ritratta: “Non ho preso volontariamente il Covid, era solo una battuta”
Cronaca / Covid, Locatelli (Cts): “Curva sta rallentando. Vaccinazioni con numeri straordinari”