Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:50
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Vacchi contro gli ex dipendenti: “Da loro informazioni false e offensive, li denuncio alla procura”

Immagine di copertina

Dopo il polverone scatenato dalle denunce dei suoi ex dipendenti, l’imprenditore e influencer Gianluca Vacchi ha deciso di adire le vie legali per difendersi. A farlo sapere è un comunicato inviato dai suoi avvocati all’Ansa. “Riguardo alle notizie apparse in questi giorni sui media non ho rilasciato alcuna dichiarazione né ho intenzione di farlo: ci sono infatti dei procedimenti in corso e spetta unicamente ai giudici esprimersi al riguardo – recita la nota – Tuttavia sono state altresì diffuse, in modo fuorviante, numerose affermazioni false e gravemente offensive, anche riguardo a fatti per i quali non è mai stata presentata alcuna denuncia e che non costituiscono oggetto dei già citati procedimenti giudiziari: ho dato quindi mandato ai miei legali di tutelarmi in tutte le sedi competenti”.

I procedimenti nel mirino riguardano la ex colf, che ha avviato una causa al tribunale del Lavoro di Bologna chiedendo che le venissero riconosciuti 70mila euro tra straordinari e tfr non pagati, e una coppia di lavoratori domestici, che ha ricoperto un ruolo di primo piano nello staff dell’imprenditore a cui ora chiede 700mila euro di danni. Gli ex collaboratori hanno lavorato per lui rispettivamente per 22 e 17 anni ma hanno dichiarato di essere stati pagati in nero per oltre dieci di questi. Poi hanno impugnato il licenziamento, e nei loro confronti Vacchi ha sporto a sua volta una denuncia.

“In alcuni casi dovevamo partecipare in prima persona ai video, anche se non volevamo comparire. Dovevamo presentarci vestiti con il grembiule da cameriere. Una volta abbiamo girato un filmato con dei colleghi maschi, uno ha sbagliato una mossa e lui gli ha dato una botta sul petto”, ha raccontato nei giorni la ex colf, Laluna Maricris Bantugon, a Repubblica, denunciando poi ritmi di lavoro estenuanti e un ambiente di lavoro teso e inospitale. Proprio per questo, intanto, sui social molti abbonati ad Amazon Prime hanno chiesto al colosso dello streaming di rimuovere la docuserie sulla vita di Vacchi dalla piattaforma al grido “VacchiOut”, in particolare dopo che il profilo ufficiale di Amazon ha condiviso un post in cui sponsorizzava la serie. Sono stati migliaia i commenti che hanno chiesto di cancellare il film “Mucho Mas”, ma per “Mister Enjoy” alcune delle accuse sarebbero appunto infondate.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / La Cei appoggia lo Ius scholae: “Basta con le ideologie, è una riforma che serve all’Italia”
Cronaca / Morto Aldo Balocco, l’inventore del panettone mandorlato
Cronaca / Aborto, lo tsunami pro-life può travolgere anche l’Italia
Ti potrebbe interessare
Cronaca / La Cei appoggia lo Ius scholae: “Basta con le ideologie, è una riforma che serve all’Italia”
Cronaca / Morto Aldo Balocco, l’inventore del panettone mandorlato
Cronaca / Aborto, lo tsunami pro-life può travolgere anche l’Italia
Cronaca / A Torino la prima laurea nel Metaverso: Edoardo all’esame dal vivo e con l’avatar
Cronaca / Iscritta all’università da 18 anni senza laurearsi, il giudice: “Stop ai soldi del padre”
Cronaca / Covid, aumentano i casi e i ricoveri. Speranza: “Mascherine raccomandate, in autunno vaccino per le varianti”
Cronaca / Bambina di cinque anni ascolta la voce di Gigi D’Alessio e si risveglia dal coma
Cronaca / Saldi estivi 2022: il calendario regione per regione. Date, inizio
Cronaca / Salva moglie e figli in mare ma ha un infarto: muore papà eroe
Cronaca / Venezia, si entra su prenotazione: da agosto la sperimentazione. Nel 2023 arriva il ticket