Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:42
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Giancarlo Siani oggi avrebbe compiuto 60 anni. La lettera del fratello Paolo: “Alla stampa manca un giornalista”

Immagine di copertina

Polo Siani, il fratello di Giancarlo, dedica una lettera al giornalista scomparso nel 1985

La lettera di Paolo Siani al fratello Giancarlo

Giancarlo Siani, il giornalista di Napoli ucciso dalla camorra all’età di 26 anni, oggi avrebbe compiuto 60 anni: in occasione di questa ricorrenza il fratello Paolo gli ha dedicato una lettera, pubblicata dal quotidiano La Repubblica.

Siani è stato ucciso il 23 settembre del 1985, quattro giorni dopo il suo compleanno, quando una squadra di due assassini gli sparò 10 volte alla testa con una Beretta di 7.65mm sotto casa, nel quartiere napoletano dell’Arenella, mentre il giornalista si trovava ancora nella sua Citroen Mehari.

Corrispondente del quotidiano partenopeo “Il Mattino”, Siani era riuscito a scoperchiare una serie di legami che si erano creati nel mondo della camorra all’indomani del terremoto in Irpinia del 1980, e a scoprire la moneta con cui i principali clan di camorristi facevano affari. Alcune rivelazioni ottenute da Giancarlo grazie ad un suo amico carabiniere e pubblicate il 10 giugno 1985 indussero la camorra a sbarazzarsi del giornalista.

In occasione del giorno della sua nascita, il fratello Paolo Siani, medico e membro della Camera dei Deputati dal 2018, ha pubblicato una lettera dedicata a Giancarlo.

Sessant’anni sono una tappa importante per la vita di una persona. A 60 anni ci si avvicina alla terza età, il fisico mostra gli inevitabili segni del tempo, si comincia a intravedere il traguardo della propria attività lavorativa. Insomma, è una tappa veramente fondamentale nella vita di un uomo.

Giancarlo invece resta giovane, sorridente, allegro, resta per sempre un precario dell’informazione, un abusivo.
Sì, Giancarlo resta fermo ai suoi 26 anni, mentre io, che ero solo di 4 anni più grande, invecchio e adesso ne ho ben 34 in più.

Giancarlo mi manca, ci manca da ben 34 anni. A me manca un fratello con cui confrontarsi, con cui condividere scelte, ma anche con cui gioire per le vittorie del Napoli. Alla città manca un cittadino onesto e alla stampa manca un giornalista-giornalista.
Questo fa la camorra, impoverisce la società, porta via affetti, competenze, sottrae capitale umano. Distrugge la vita.

E se pensate che le vittime innocenti della criminalità in Campania sono 500, allora capirete che danno enorme e quanta sofferenza la camorra abbia creato nella nostra regione. Un danno insopportabile a cui bisogna porre rimedio.

Ma con orgoglio devo constatare che il ricordo di Giancarlo è ben vivo nei ragazzi di Napoli e in tante altre città d’Italia. Era il mio più grande desiderio, riuscire a non far dimenticare Giancarlo, era l’unica arma che avevo per ribellarmi a quella violenza così brutale. Era la mia risposta civile alla camorra. Una battaglia lunga, dura e tenace.

Sarà il trentaquattresimo anno che non potrò festeggiare il compleanno di Giancarlo, ma anche qui mi aiutano i giovani studenti anti camorra di Napoli, che anche quest’anno festeggiano, con torta e champagne, i suoi 60 anni, nei pressi della sede de “Il Mattino”.
Quest’anno, inoltre, diamo vita, insieme alla mia famiglia, alla “Fondazione Giancarlo Siani”. La Fondazione sarà guidata da Gianmario, che con Ludovica, darà nuova linfa e grande energia alle iniziative per Giancarlo.

A me manca Giancarlo. Nemmeno il tanto tempo trascorso senza di lui è riuscito a rendere più lieve un dolore così grande.
È un dolore che non si attenua mai, nonostante il cervello provi a rendere meno traumatica una così grave mancanza. Ma quando la perdita è così drammatica, anche il cervello si adatta al dolore e lo tiene lì. Ogni tanto, però, il dolore emerge. E fa male.
“Giancarlo”, come scrive Chiara, “continuiamo a pensarlo come una persona fuori dal comune ed è per questo che sentiamo ancora il dolore per la sua assenza e abbiamo il desiderio di ricordarlo per sempre”.
Auguri Gianca’, auguri ovunque tu sia.
Paolo.

Siani (Pd) a TPI: “Giorgetti dice che nessuno va dai medici di base? Parla di cose che non sa. Vi spiego perché”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Gran Sasso, perde la corda durante una arrampicata e precipita nel vuoto: morto il fotografo Gianluca Gasbarri
Cronaca / Morto Leonardo Del Vecchio: le cause della morte del secondo uomo più ricco d’Italia
Cronaca / È morto Leonardo Del Vecchio, fondatore di Luxottica: aveva 87 anni
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Gran Sasso, perde la corda durante una arrampicata e precipita nel vuoto: morto il fotografo Gianluca Gasbarri
Cronaca / Morto Leonardo Del Vecchio: le cause della morte del secondo uomo più ricco d’Italia
Cronaca / È morto Leonardo Del Vecchio, fondatore di Luxottica: aveva 87 anni
Cronaca / Rifiuti, la soluzione di Beppe Grillo per Roma: la combustione senza fiamma
Cronaca / Legata e violentata per una notte dall’ex in preda all’alcool
Cronaca / Ragazzo di 21 anni si suicida in ospedale, il padre: “Come ha fatto a passare da una fessura di 20 cm?”
Cronaca / La vita da missionaria, la ricostruzione ad Haiti dopo il terremoto: chi era la Suora italiana uccisa a Port au Prince
Cronaca / Requisiti Esg: la sostenibilità tra gli obiettivi delle aziende italiane. I dati di Dynamo Academy e Sda Bocconi Sustainability Lab
Cronaca / “Chiara Ferragni a Sanremo? Non lo guarderò”. Lei risponde con il dito medio
Cronaca / Rimini, uccide la compagna dopo un litigio sul figlio: “Ora non potrà più parlargli male di me”