Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:46
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

I genitori di Giulio Regeni: “Un fallimento l’incontro tra pm italiani ed egiziani”

Immagine di copertina
Giulio Regeni

Rogatoria italiana ancora sotto l'esame delle toghe egiziane. Per la famiglia Regeni richiamare l’ambasciatore dall'Egitto è "l’unica strada percorribile"

È durato circa un’ora l’incontro in videoconferenza tra i pm italiani e quelli egiziani che indagano sulla vicenda della morte Giulio Regeni, il ricercatore italiano torturato e ucciso al Cairo nel 2016. I genitori di Giulio hanno definito l’incontro “fallimentare” dopo aver letto la nota con cui la procura di Roma ha fatto sapere che la rogatoria internazionale dopo 14 mesi è ancora allo studio delle toghe egiziane. “Richiamare l’ambasciatore oggi è l’unica strada percorribile“, sostiene la famiglia.

“A leggere il comunicato della procura di Roma è evidente che l’incontro virtuale di oggi con la procura egiziana è stato fallimentare”, scrivono Paola e Claudio Regeni. “Gli egiziani non hanno fornito una sola risposta alla rogatoria italiana sebbene siano passati ormai 14 mesi dalle richieste dei nostri magistrati”, spiegano i genitori di Giulio, assistiti dal legale Alessandra Ballerini, “e addirittura si sono permessi di formulare istanze investigative sull’attività di Giulio in Egitto. Istanze che oggi, dopo quattro anni e mezzo dalla sua uccisione, senza che nessuna indagine sugli assassini e sui loro mandanti sia stata seriamente svolta al Cairo, suona offensiva e provocatoria”.

“Nonostante le continue promesse non c’è stata da parte egiziana nessuna reale collaborazione. Solo depistaggi, silenzi, bugie ed estenuanti rinvii. Il tempo della pazienza e della fiducia è ormai scaduto. Chi sosteneva che la migliore strategia nei confronti degli egiziani per ottenere verità fosse quella della condiscendenza, chi pensava che fare affari, vendere armi e navi di guerra, stringere mani e guardare negli occhi gli interlocutori egiziani fosse funzionale ad ottenere collaborazione giudiziaria, oggi sa di aver fallito”, sottolineano i Regeni. “Richiamare l’ambasciatore oggi è l’unica strada percorribile. Non solo per ottenere giustizia per Giulio e tutti gli altri Giuli, ma per salvare la dignità del nostro paese e di chi lo governa”.

La nota della Procura di Roma

La procura di Roma al termine dell’incontro con i magistrati egiziani ha fatto sapere che la rogatoria internazionale sul caso è ancora allo studio delle toghe in Egitto. “Il procuratore generale egiziano ha assicurato che, sulla base del principio di reciprocità, le richieste avanzate dalla procura di Roma sono allo studio per la formulazione delle relative risposte alla luce della legislazione egiziana vigente”, si legge nella nota dei pm. La procura Capitolina ha “insistito sulla necessità di avere riscontro concreto, in tempi brevi, alla rogatoria avanzata nell’aprile del 2019 ed in particolare in ordine all’elezione di domicilio da parte degli indagati, alla presenza e alle dichiarazioni rese da uno degli indagati in Kenya nell’agosto del 2017”.

Il procuratore egiziano Hamada Elsawy “ha formulato alcune richieste investigative finalizzate a meglio delineare l’attività di Giulio Regeni in Egitto”, prosegue la nota. “Nel corso del suo intervento il procuratore generale egiziano ha ribadito la ferma volontà del suo Paese e del suo ufficio di arrivare a individuare i responsabili dei fatti e per questo ha affermato che l’incontro ha costituito un passo decisivo nello sviluppo dei rapporti di collaborazione, con l’auspicio di raccoglierne esiti fruttuosi”.

La novità contenuta nella nota dei pm è che nella rogatoria inviata mesi fa dai pm di Roma alle autorità egiziane si chiedeva di “mettere a fuoco il ruolo di altri soggetti della National Security che risultano in stretti rapporti con gli attuali cinque indagati”.

Palazzotto (Leu): “Non siamo fiduciosi”

“Non abbiamo motivo di essere fiduciosi perché fino ad ora da parte egiziana sono arrivati soltanto tentativi di depistaggio e di coprire la verità”, ha dichiarato Erasmo Palazzotto, Presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sulla morte di Giulio Regeni su Rai Radio1. “Inoltre, le ultime notizie, della consegna degli oggetti che appartenevano a Giulio Regeni, che poi in realtà erano oggetti di uno dei tentativi di depistaggio, ci dice che da parte egiziana non arrivano segnali positivi”. Il deputato di Leu ha aggiunto: “Non c’è solo il diritto, da parte della famiglia Regeni ad ottenere giustizia. Ci sono anche la dignità e la credibilità internazionale del nostro Paese che sono in gioco. L’Italia non può essere un paese che non protegge la vita dei propri cittadini e soprattutto non ottiene giustizia quando uno dei propri cittadini viene ucciso barbaramente dagli apparati di un altro Stato”.

Leggi anche: 1.Regeni, cosa è emerso davvero dall’audizione di Conte: a TPI parlano i membri della Commissione /2. Regeni, documenti e oggetti di Giulio in mano agli inquirenti italiani /3. Cecilia Strada a TPI: “Vendere armi all’Egitto vuol dire sostenere torture e uccisioni come quella di Regeni”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Picchiata e minacciata di morte perché voleva “vivere all’occidentale”. 18enne fa arrestare il padre
Cronaca / Immacolata, il Papa a sorpresa in piazza di Spagna
Cronaca / Immacolata 2021, supermercati e negozi aperti o chiusi l’8 dicembre
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Picchiata e minacciata di morte perché voleva “vivere all’occidentale”. 18enne fa arrestare il padre
Cronaca / Immacolata, il Papa a sorpresa in piazza di Spagna
Cronaca / Immacolata 2021, supermercati e negozi aperti o chiusi l’8 dicembre
Cronaca / Scarcerazione Zaki, l’amica e collega a TPI: “Siamo increduli e felici, ma continuiamo a combattere. Non è ancora libero”
Cronaca / Covid, l’allarme dell’ECDC: “La situazione è molto grave con le feste può peggiorare”
Cronaca / Covid, oggi 15.756 casi e 99 morti: tasso di positività al 2,3%
Cronaca / Latina, ragazza aggredita a calci e pugni da tre bulle per un sguardo
Cronaca / Blitz antimafia, 32 arresti nel Foggiano. “Il mare è nostro”: il clan si era preso anche la pesca
Cronaca / Vitamina D per evitare il Covid: convinto no vax finisce in terapia intensiva per overdose
Cronaca / Valle D’Aosta, valanga a La Thuile travolge due sciatori: 25enne in gravissime condizioni