Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Frosinone, detenuto spara ad altri tre reclusi: “La pistola arrivata in carcere con un drone”

Immagine di copertina

Frosinone, detenuto spara ad altri tre reclusi: “La pistola arrivata in carcere con un drone”

Un detenuto di alta sicurezza nel penitenziario di Frosinone ha sparato ad altri carcerati usando un’arma introdotta probabilmente tramite un drone. Una vicenda definita “gravissima e incredibile” dai sindacati della polizia penitenziaria che l’hanno resa pubblica, chiedendo l’intervento del governo.

Il 28enne, detenuto nell’area di alta sicurezza per reati connessi alla camorra, avrebbe sparato ieri tre colpi di arma da fuoco contro alcuni prigionieri con cui aveva discusso, dopo essersi fatto consegnare le chiavi delle altre celle da un agente che aveva minacciato con la pistola. L’uomo era stato autorizzato a uscire dalla cella per fare la doccia quando ha puntato la pistola alla testa del poliziotto penitenziario, secondo la ricostruzione fatta da Donato Capece, segretario generale della sigla sindacale Sappe. “Poi ha raggiunto le celle di altri detenuti, che nei giorni scorsi lo avevano minacciato e picchiato e, dopo avere tentato inutilmente di aprirle, ha sparato all’interno tre colpi di pistola”, ha dichiarato. Secondo Capece, nessuno è stato colpito, ma altre fonti penitenziarie riportate dall’Ansa riferiscono di alcuni detenuti leggermente feriti. “Riteniamo che l’arma sia arrivata con un drone”, ha aggiunto il sindacalista, secondo quanto riporta Afp.

Dopo gli spari il detenuto, che è stato trasferito in un altro penitenziario, ha chiamato il suo avvocato con un telefono cellulare che possedeva illegalmente, dal quale si sarebbe fatto convincere a consegnare la pistola agli agenti intervenuti sul posto. “Cosa che ha fatto, non prima di ingoiare la sim card del telefonino”, ha continuato Capece. “Assurdo e incredibile”.

“Crediamo che serva costituire una vera e propria unità di crisi magari sotto l’egida di Palazzo Chigi”, ha detto il segretario generale della Uilpa polizia penitenziaria, Gennarino De Fazio, sostenendo che “le carceri sono fuori controllo” e che “dal ministero continuano a mostrarsi inermi e inerti”.

A fronte della gravità dell’accaduto, la ministra della Giustizia Marta Cartabia nelle scorse ore ha chiesto al capo del Dipartimento di amministrazione penitenziaria (Dap) Bernardo Petralia, di annullare gli impegni per la giornata di oggi e recarsi di persona al carcere.

Secondo un rapporto del Consiglio d’Europa del 2020, l’Italia è il paese dell’Unione europea in cui le carceri sono più sovraffollate, con 120 detenuti ogni 100 posti, rispetto ai 115 della Francia e ai 70,8 della Spagna.

A giugno aveva suscitato forte scalpore la pubblicazione delle immagini dei pestaggi commessi dagli agenti della polizia penitenziaria nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, in risposta alle proteste dei detenuti durante il primo lockdown, in quella che fu definita una “orribile mattanza” dal giudice per le indagini preliminari che si era occupato del caso. All’epoca Cartabia visitò personalmente il carcere in provincia di Caserta, assieme al presidente del Consiglio Mario Draghi.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 4.866 casi e 50 morti: tasso di positività allo 0,9%
Cronaca / È arrivato il numero 7 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Ddl Zan, Letta: “Prove generali per il Quirinale, Italia allineata a Polonia e Ungheria”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 4.866 casi e 50 morti: tasso di positività allo 0,9%
Cronaca / È arrivato il numero 7 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Ddl Zan, Letta: “Prove generali per il Quirinale, Italia allineata a Polonia e Ungheria”
Cronaca / Trieste, focolaio Covid tra i manifestanti no green pass: “È solo la punta dell’iceberg”
Cronaca / Maltempo in Sicilia e Calabria: il vero ciclone si formerà nella serata di oggi
Cronaca / Governo: “Vaccino J&J scade dopo due mesi”. Ma hanno tradotto male dall’inglese
Cronaca / Covid, oggi 4.598 casi e 50 morti: il bollettino del 27 ottobre 2021
Cronaca / Bassetti: "Favorevole al lockdown per i non vaccinati"
Cronaca / I voli di Ita Airways non possono atterrare quando c’è la nebbia
Cronaca / Cammina nudo in tangenziale: talento della pallanuoto causa incidente a Roma