Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Fratelli Bianchi, il violento pestaggio per una lite stradale prima dell’omicidio di Willy: incastrati da una foto

Immagine di copertina

Fratelli Bianchi, il violento pestaggio per una lite stradale prima dell’omicidio di Willy: incastrati da una foto

Un violento pestaggio per una banale lite stradale, quasi un anno e mezzo prima dell’uccisione di Willy Monteiro Duarte. È il nuovo caso che vede protagonisti i fratelli Marco e Gabriele Bianchi, imputati a Velletri per lesioni aggravate. I due, già condannati all’ergastolo per l’omicidio del 21enne Wily, avvenuto a Colleferro il 6 settembre 2020, sono accusati di aver rotto il naso e causato gravi lesioni all’occhio sinistro al 30enne indiano Deepak Kumar, preso a calci e pugni dopo aver gridato qualcosa verso la Mini Cooper su cui si trovavano i due fratelli.

Il tutto è avvenuto una sera del 13 aprile 2019, quando Kumar stava percorrendo una strada buia di Velletri insieme all’amico Jaspret Singh, anche lui 30enne, e un altro cittadino indiano, prima di essere sfiorato dall’auto su cui si trovavano i Bianchi insieme agli altri due imputati: Vittorio Edoardo Tondinelli e Omar Shabani, quest’ultimo condannato con gli stessi fratelli per associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di stupefacenti.

Dopo avergli gridato qualcosa, la Mini si è inchiodata e ha fatto inversione. “Fate più attenzione, potreste ammazzare qualcuno con il vostro comportamento”, la frase detta da Kumar dopo le scuse fatte da qualcuno che si trovava nell’auto. A quel punto sono scesi dall’auto i quattro imputati, tre dei quali, nella testimonianza di Singh, circondano e poi pestano l’amico. Tra loro ci sarebbero anche i fratelli Bianchi, poi identificati grazie alla foto che Singh è riuscito a scattare dell’auto in fuga.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Milano, uccisero padre violento: fratelli condannati in appello bis
Cronaca / Mattia Giani, si indaga per omicidio colposo per il calciatore morto in campo
Cronaca / Malore sul volo Torino-Lamezia: morto un 35enne
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Milano, uccisero padre violento: fratelli condannati in appello bis
Cronaca / Mattia Giani, si indaga per omicidio colposo per il calciatore morto in campo
Cronaca / Malore sul volo Torino-Lamezia: morto un 35enne
Cronaca / Caso Ferragni-Balocco, l'Antitrust: "Commistione tra beneficenza e sponsor"
Cronaca / Meteo, addio al caldo: tornano i temporali, freddo e neve
Cronaca / Roma, il mercatino dei libri abbadonato a se stesso: degrado a pochi passi dalla stazione Termini | VIDEO
Cronaca / Torino, stop al fumo all’aperto: sigarette vietate a meno di 5 metri dalle altre persone
Cronaca / Ponte sullo Stretto: i dubbi del ministero dell’Ambiente, chieste integrazioni
Cronaca / Rissa sul volo Napoli-Ibiza, due donne si strappano i capelli e urlano | VIDEO
Cronaca / Mattia Giani morto dopo il malore in campo, il papà: “Non c’erano medici, ambulanza in ritardo e nessuno usava il defibrillatore”