Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

I quattro arrestati per l’omicidio di Willy percepivano il redditto di cittadinanza

Immagine di copertina
Gabriele Bianchi. Credit: Instagram

Omicidio Willy, i fratelli Bianchi e gli altri arrestati percepivano il reddito di cittadinanza

I fratelli Marco e Gabriele Bianchi, Mario Pincarelli e Francesco Belleggia, arrestati per l’omicidio di Willy Monteiro Duarte avvenuto nella notte tra il 5 e il 6 settembre a Colleferro, percepivano il reddito di cittadinanza. È la conclusione alla quale sono arrivati gli investigatori dopo i primi dieci giorni di indagine.

Vacanze in barca, champagne, resort e abiti griffati, la lussuosa vita dei quattro della “banda di Artena” ostentata sui social era sostenuta dal sussidio statale. Dalle indagini patrimoniali della Guardia di Finanza sugli aggressori di Willy Monteiro emerge quindi che i quattro percepivano il reddito di cittadinanza pur non avendone diritto. I Bianchi, Pincarelli e Belleggia sono stati così denunciati alla Procura della Repubblica di Velletri e segnalati all’Inps di Colleferro per il recupero delle somme indebitamente percepite.

Il capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera, Francesco Lollobrigida, in un’interrogazione al ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, chiede “se è vero che i giovani in questione erano già segnalati alle forze dell’ordine avendo numerosi precedenti per aggressioni e spaccio di stupefacenti”. “Ci si chiede – continua l’interrogazione – come sia possibile che fosse loro corrisposto il reddito di cittadinanza”. Si ripresenta quindi, “l’annosa questione di un sussidio che è assegnato ed erogato senza alcun controlli da parte delle autorità preposte o Stato, già sollevata in numerose occasioni e a fronte delle frequenti notizie di cronaca che riportano che il beneficio sarebbe stato riconosciuto in favore di soggetti che non ne avevano diritto“. Lollobrigida chiede poi quali iniziative il ministro “intenda assumere per procedere in tempi rapidi alla revoca del beneficio e affinché i soggetti citati provvedano alla restituzione di quanto ingiustamente percepito; se non ritenga di garantire meccanismi più efficaci di controllo sull’erogazione del reddito di cittadinanza”.

Leggi anche: 1. “Due anni di terrore e minacce dai fratelli Bianchi”: le testimonianze da Artena e Colleferro/ 2. Il vuoto politico e sociale produce i mostri inumani di Colleferro (di Giulio Gambino)
Ti potrebbe interessare
Cronaca / La variante Omicron è in Italia: identificato in Campania il primo caso
Cronaca / Covid, oggi 12.877 casi e 90 morti: tasso di positività al 2,2%
Cronaca / Caso sospetto di variante Omicron in Campania: è un uomo rientrato dall'Africa
Ti potrebbe interessare
Cronaca / La variante Omicron è in Italia: identificato in Campania il primo caso
Cronaca / Covid, oggi 12.877 casi e 90 morti: tasso di positività al 2,2%
Cronaca / Caso sospetto di variante Omicron in Campania: è un uomo rientrato dall'Africa
Cronaca / Covid, la nuova variante Omicron è arrivata in Europa: casi nel Regno Unito e in Germania
Cronaca / Covid, oggi 13.686 casi e 51 morti: tasso di positività al 2,4%
Cronaca / Ciro Grillo e i suoi tre amici andranno a processo per stupro di gruppo: rischiano fino a 12 anni
Cronaca / Covid, Friuli-Venezia Giulia passa in zona gialla da lunedì: Trieste ha l’incidenza più alta d’Italia
Cronaca / Tutto quello che sappiamo sulla nuova variante individuata in Sudafrica | VIDEO
Cronaca / Covid, dal 6 dicembre arriva il green pass rafforzato: ecco cosa cambia
Cronaca / Walter Schiavone, si pente anche il secondo figlio del boss “Sandokan”